"Ecco come a Mercato San Severino stava nascendo un nuovo clan"

La deposizione al tribunale di Nocera è quella resa in settimana dal maggiore dei carabinieri Pietro Rubbo, del comando provinciale di Salerno

Una "consorteria", così l'ha definita giorni fa il carabiniere chiamato in aula a testimoniare, gestita e organizzata dal paganese Pietro Desiderio, alias "Pierino Maradona", in grado di imporre estorsioni e di gestire attività di spaccio di droga e commercio di armi. In tutta la Valle dell'Irno. La deposizione al tribunale di Nocera è quella resa in settimana dal maggiore dei carabinieri Pietro Rubbo, del comando provinciale di Salerno, che ha aperto il processo sulla nascita e le attività di quel presunto "clan" sgominato dalla Dda nella primavera del 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine

L'ufficiale ha ripercorso la genesi dell'inchiesta, partendo dalle intercettazioni ai primi episodi di natura intimidatoria, risalenti al 2013 e al 2014. Fino ai contrasti di quelli ritenuti i personaggi apicali con soggetti provenienti dalle mafie calabresi, terminando con le alleanze con esponenti storici della criminalità locale.

Il processo vede al banco degli imputati 14 persone, sulle 41 iniziali coinvolte nell'inchiesta. Le accuse principali erano associazione a delinquere finalizzate allo spaccio di droga e alle estorsioni. Mercato San Severino era il comune di riferimento, a seguire Roccapiemonte e Nocera Superiore. Come emerso dalle indagini, Desiderio - ritenuto a capo della neo organizzazione - era arrivato da Pagani, per la Dda, per gestire un'organizzazione che avrebbe spadroneggiato nella Valle dell'Irno fino all'aprile 2017. Tra le principali attività c'era l'attività estorsiva con le intimidazioni a colpi di bombe sui cantieri, ma anche il riciclaggio di armi e lo sfruttamento della prostituzione. Pietro Desiderio era andato via da Pagani dopo contrasti con il clan Fezza, che lo mise ai margini constrigendolo a recarsi altrove. Nella Valle dell'Irno, secondo l'Antimafia, era pronto a strutturare una nuova organizzazione criminale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Regionali 2020, plebiscito per De Luca in Campania: i risultati definitivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento