Diagnosi sbagliata, la paziente muore: 3 medici saranno processati

Due erano in servizio al pronto soccorso dell'ospedale Fucito di Mercato San Severino, mentre il terzo è un medico di base. La morte di Daniela Delli Priscoli avvenne il 10 dicembre 2016

Il giudice dell'udienza preliminare del tribunale di Nocera Inferiore ha rinviato a giudizio, con l'accusa di omicidio colposo, tre medici, due in servizio al pronto soccorso dell'ospedale Fucito di Mercato San Severino, e l'altro medico di base, per la morte di Daniela Delli Priscoli, 38enne,  avvenuta il 10 dicembre 2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine

Secondo il sostituto procuratore, titolare dell'indagine, i tre avrebbero, "con negligenza, imprudenza e imperizia", causato la morte della donna, avvenuta per emorragia cerebrale da rottura di malformazione artero-venosa dovuta a ipertensione arteriosa. I camici bianchi, per l'accusa, non si sarebbero adoperati per fornire un'adeguata e appropriata diagnosi clinica che avrebbe potuto limitare i danni dell'emorragia cerebrale in corso e salvare la vita alla paziente. I due medici in servizio al pronto soccorso, pur riscontrando una ipertensione arteriosa di massima gravita', non avrebbero disposto il ricovero per la donna e non avrebbero eseguito un esame Tac o altre indagini strumentali, ma avrebbero invitato la paziente a sottoporsi a un monitoraggio della pressione arteriosa dal medico curante e a eseguire ulteriori approfondimenti diagnostici di tipo ortopedico. Nello stesso giorno e in quello seguente, il medico di famiglia della vittima visito' la donna, affetta ancora da forte mal di testa, prescrivendole un ansiolitico e un holter pressorio, ma non avrebbe considerato una diagnosi di natura vascolare o neurologica. Fu il marito della donna, nel giorno del decesso, a presentare denuncia. Il pm, dopo aver acquisito cartelle cliniche, relazioni di esame autoptico e tecnica, ha chiesto il rinvio a giudizio, disposto, poi, dal gup per il prossimo 19 luglio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Sole, mare e relax per il ministro Luigi Di Maio a Palinuro

Torna su
SalernoToday è in caricamento