Cronaca

Mercato San Severino: sigilli ad una linea di trattamento dei fanghi di depurazione

La segnalazione è stata effettuata anche a seguito di numerose segnalazioni per la presenza di esalazioni maleodoranti e molestie olfattive patite dagli abitanti della zona

Sigilli ad una intera linea di trattamento dei fanghi di depurazione su un’area di superficie complessiva di circa 10.000mq, nell’ambito del depuratore consortile di acque reflue urbane della frazione Costa di Mercato San Severino. I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno, agli ordini del Capitano Giuseppe Ambrosone, unitamente a quelli della stazione locale hanno agito anche a seguito di numerose segnalazioni per la presenza di esalazioni maleodoranti e molestie olfattive patite dagli abitanti della zona.

Provvidenziale, dunque, il sopralluogo effettuato dai militari nell'area costituita da diversi manufatti ed impianti quali un preispessimento dei fanghi per gravità e flottazione, digestione anaerobica, postispessimento e disidratazione meccanica con tre filtropresse a piastre ed un impianto mobile di disidratazione fanghi: la società di gestione dell’impianto non era in possesso di autorizzazione per le emissioni in atmosfera.

Ad ogni modo è stata concessa la facoltà d’utilizzo della linea al fine di non pregiudicare l’intero processo depurativo in atto. Denunciato, intanto, il legale rappresentante della società.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato San Severino: sigilli ad una linea di trattamento dei fanghi di depurazione

SalernoToday è in caricamento