rotate-mobile
Cronaca

Il bagnino eroe Pierluigi Caroccia a Ciro Esposito: "Non sono un tifoso del Napoli, ma della vita"

Accorato il messaggio dedicato dal bagnino eroe Pierluigi Caroccia a Ciro Esposito, il ragazzo ferito lo scorso 3 maggio da un colpo d’arma da fuoco durante gli scontri che hanno preceduto la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina

"Non sono un tifoso del Napoli: sono un tifoso della vita. Come te, anche io ho lottato tra la vita e la morte. Ero arrivato in ospedale con il solo 3% di battito cardiaco e sono andato in coma. Il tutto per salvare 2 bambine a mare (io facevo il bagnino). Io ce l´ho fatta... Ora tocca a te vincere la partita più difficile e importante della tua vita. Dai Ciro, sei tutti noi". Questo l'accorato messaggio dedicato dal bagnino eroe Pierluigi Caroccia a Ciro Esposito, il ragazzo ferito lo scorso 3 maggio da un colpo d’arma da fuoco durante gli scontri che hanno preceduto la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina.

Per lui su Facebook, è nato il gruppo "Ciro Esposito non mollare": lì, dunque, a dargli simbolicamente il suo sostegno, anche il bagnino eroe che finì in coma per salvare due ragazzine che rischiavano di annegare. Intanto, come si legge sullo stesso gruppo del social network: "Arrivano buone notizie dal Policlinico Gemelli di Roma: Ciro Esposito mostra un leggero miglioramento. Il tifoso del Napoli  è stato stubato dopo che lunedì i medici erano stati costretti a intubarlo e sedarlo. Ora Ciro respira con la mascherina, anche se restano sia la dialisi che i drenaggi al polmone".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bagnino eroe Pierluigi Caroccia a Ciro Esposito: "Non sono un tifoso del Napoli, ma della vita"

SalernoToday è in caricamento