Cronaca Centro Storico

Mega scritta sulla parete della Curia, i salernitani alla destinataria: "Mollalo"

L'autore della mega scritta che ha imbrattato la Curia, ieri, ha ricevuto una risposta su di un volantino affisso al muro. Ma non dalla sua "Patà" (appellativo usato dal vandalo nel graffito di 10 metri), bensì dai cittadini del centro storico

Il manifesto (dal web)

L'autore della mega scritta che ha imbrattato la Curia, ieri, ha ricevuto una risposta su di un volantino affisso al muro. Ma non dalla sua "Patà" (appellativo usato dal vandalo nel graffito di 10 metri), bensì dai cittadini del centro storico che, indignati per l'episodio, si sono rivolti direttamente alla destinataria del messaggio sgrammaticato che ha rovinato la parete del Palazzo Arcivescovile di Salerno.

"Gentilissima Patà, non facciamo appello al tuo cuore perchè l'amore è soggettivo (anche in questo caso), ma al tuo senso civico o almeno all'italiano. Ti preghiamo mollalo": così si legge sul messaggio firmato dai "Cittadini salernitani pudici e riservati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mega scritta sulla parete della Curia, i salernitani alla destinataria: "Mollalo"

SalernoToday è in caricamento