rotate-mobile
Cronaca Agropoli

Metrò del Mare ancora ferma, interviene anche il M5S: "E' una vergogna"

La coordinatrice provinciale dei grillini: "È fondamentale che vengano adottate soluzioni concrete e rapide per superare gli ostacoli che impediscono il funzionamento di questo servizio fondamentale per la mobilità e lo sviluppo turistico della regione”

Dopo Fratelli d’ItaliaForza Italia e Noi Moderati, interviene anche il Movimento Cinque Stelle sulla mancata attivazione del Metrò del Mare, il servizio che collega il Cilento con Salerno, la Costiera Amalfitana, Napoli e le isole del golfo.  La coordinatrice provinciale Virginia Villani spiega: “Con le gare regionali andate deserte, si crea un grave danno per il comparto turistico, che si somma alle difficoltà della mobilità su strade, alle criticità legate ai provvedimenti di targhe alterne in Costiera e Penisola. Le gare regionali per l'attivazione del servizio sono andate deserte, aggravando ulteriormente la situazione. È fondamentale che vengano adottate soluzioni concrete e rapide per superare gli ostacoli che impediscono il funzionamento di questo servizio fondamentale per la mobilità e lo sviluppo turistico della regione”. 

La denuncia politica

Per l’esponente grillina “il Metrò del Mare rappresenta una risorsa strategica per favorire la mobilità sostenibile e il turismo nel Cilento, nonché per creare nuove opportunità economiche per le comunità locali. La sua attivazione contribuirebbe a valorizzare il territorio ea promuovere il patrimonio naturalistico, culturale e storico della regione. Mi impegnerò in prima persona a vigilare attentamente sulle azioni delle istituzioni regionali ea fare pressioni affinché vengano adottate tutte le misure necessarie per attivare il Metrò del Mare nel Cilento. Siamo determinati a lavorare per il bene dei cittadini e per la crescita economica e sociale del nostro territorio” conclude Villani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metrò del Mare ancora ferma, interviene anche il M5S: "E' una vergogna"

SalernoToday è in caricamento