Cronaca Mercatello / Via Trento

Metro di Salerno, la corsa contro il tempo. I disagi degli studenti pendolari

Mancano i distributori di biglietti in molte stazioni e saltano le coincidenze per il Campus di Fisciano. Il problema si è accentuato dopo il taglio alle corse dei bus

la Metro di Salerno

La Metro di superficie è il mezzo di trasporto sempre più utilizzato dai salernitani: impiegati e professionisti, giovani e casalinghe affollano ogni mattina le stazioni cittadine in attesa del treno che consenta uno spostamento rapido evitando il traffico. La Metro di Salerno  funziona - e come se funziona - ma è concepita soprattutto come servizio urbano: non garantisce scali veloci e "scambi" agevboli, soprattutto limita il raggio d'azione di chi deve trasferirsi al vicino Campus universitario. E' un problema di orari e di coincidenze: il treno per Baronissi è già partito, tra le proteste degli studenti, quando alle 9 e dintorni l'ultimo collegamento della Metro fa tappa, con un pizzico di ritardo alla stazione di Salerno Centro.

La segnalazione del disservizione e la spia del disagio l'accendono gruppi di universitari, i pendolari del mattino. Una di loro, Giorgia, ci ha raccontato l'odissea giornaliera con dovizia di particolari. Ogni mattina parte dalla periferia a Sud della città e prende la Metro entro le ore 8.51 ma perde sistematicamente la coincidenza che deve condurla dalla stazione centrale a Baronissi. Il secondo treno di collegamento parte alle 9.16, la metro dovrebbe arrivare alle 9.12 a Salerno Centro ma non riesce quasi mai a garantire la puntualità perchè a Torrione talvolta deve concedere precedenza ai treni di lunga percorrenza e quindi cede il passo. Il caos si è creato da quando sono state ridotte le linee bus per il Campus. Gli studenti per arrivare all'Università degli Studi di Salerno impiegano quasi quanto occorre per andare a Napoli, tant'è che alcuni hanno anche pensato di cambiare Ateneo. Dal Campus a casa, devono programmare il ritorno entro le ore 17. Se sforano, nuovi problemi.

Segnalano ulteriori disservizi: non ci sono biglietterie elettroniche alle fermate tranne alla stazione centrale; le rivendite autorizzate, che sono esercizi commerciali e non seguono gli orari della Metro, sono rintracciabili solo nei pressi delle fermate di Pastena, Arbostella e Mercatello, non in zona Arechi nè a Torrione. Nelle ore serali ma sempre più spesso anche diurne, in particolar modo a Pastena, le zone d'ombra nei pressi delle fermate metro sono bivacco per persone senza fissa dimora.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro di Salerno, la corsa contro il tempo. I disagi degli studenti pendolari

SalernoToday è in caricamento