menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della protesta

Un momento della protesta

Metro, la protesta della Feneal Uil: "Attivare subito il servizio"

"L'attivazione del servizio - spiega il segretario provinciale Luigi Ciancio - darebbe il via ai lavori per il secondo e terzo lotto dell'opera, con notevole beneficio per la categoria degli operai del comparto edile"

"Siamo qui per chiedere l'attivazione della metropolitana di Salerno, in maniera che si possa quindi sbloccare il secondo lotto e di conseguenza il terzo lotto dell'infrastruttura" così Luigi Ciancio, segretario provinciale della Feneal Uil, spiega la protesta dei lavoratori e dei sindacalisti del comparto edile davanti a palazzo Sant'Agostino, in occasione della conferenza stampa dell'assessore regionale Sergio Vetrella sulla metropolitana. Decine i lavoratori del sindacato e numerose le bandiere.

"Al di là dell'importanza dell'infrastruttura, vogliamo che l'opera sia avviata perchè in questa maniera ci sarà l'avvio dei lavori per il prolungamento verso nord e sud, con beneficio per la categoria degli edili - prosegue Ciancio - si verrebbero a creare numerosi posti di lavoro, una notevole boccata d'ossigeno per il comparto, che è strategico". Una categoria in crisi: "Gli edili non ce la fanno più - dice il sindacalista - dal 2007 ad oggi abbiamo perso solo nel nostro territorio 6mila posti di lavoro e dall'inizio del 2012 sono 187 gli iscritti al nostro sindacato che hanno presentato domanda di disoccupazione".

Ciancio prosegue: "Relativamente al trasporto su ferro, vogliamo ricordare all'assessore Vetrella che basterebbe realizzare poche centinaia di metri di strada ferrata per collegare il campus di Fisciano alla linea ferroviaria Salerno - Avellino, con notevole risparmio per chi invece deve utilizzare l'auto e, non meno importante, un notevole beneficio per l'ambiente". Ciancio conclude: "Siamo pronti ad altre proteste".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento