rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Pontecagnano Faiano

Michele Buonomo confermato presidente regionale Legambiente

Il presidente uscente confermato alla guida regionale dell'associazione del cigno in occasione del IX congresso regionale, dedicato alla memoria del compianto sindaco di Pollica Angelo Vassallo, ucciso lo scorso anno

Michele Buonomo confermato presidente di Legambiente Campania: in occasione del IX congresso regionale dell'associazione del cigno, dedicato al compianto sindaco di Pollica Angelo Vassallo, i volontari di Legambiente hanno deciso di confermare il presidente uscente per i prossimi quattro anni. Michele Buonomo, salernitano di Pontecagnano Faiano, si è così espresso: "La recente pubblicazione del Rapporto Svimez 2011 sull'Economia del Mezzogiorno fotografa un Mezzogiorno in recessione, che continua a crescere meno del Centro-Nord, dove lavora ufficialmente meno di un giovane su tre e dove il tasso di disoccupazione reale sarebbe del 25%. Un'area a rischio tsunami demografico in cui nel 2050 gli over 75 cresceranno di dieci punti percentuali".

Il legambientino non nasconde preoccupazione per le sorti del territorio: "Si stima che nei prossimi venti anni il Mezzogiorno perderà quasi un giovane su quattro. Il rischio è quello di un vero e proprio tsunami demografico: da un'area giovane e ricca di menti e di braccia il Mezzogiorno si trasformerà nel corso del prossimo quarantennio in un'area spopolata, anziana ed economicamente sempre più dipendente dal resto del paese".

E conclude: "Contro questo rischio la nostra sfida nel prossimo quadriennio è un grande patto tra 100 sindaci per l'ambiente e nel rilancio di una grande piano della Green new deal ovvero della riconversione complessiva del sistema economico e sociale con un disegno organico della società, la lotta alle ecomafie, al consumo del suolo e cemento selvaggio con un grande piano di manutenzione ordinaria del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michele Buonomo confermato presidente regionale Legambiente

SalernoToday è in caricamento