menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sbarco dei migranti a Salerno: c'è chi non gradisce, l'appello di Don Petrone

"Pregheremo affinchè i loro cuori si possano intenerire". Lo ha detto il direttore dell'Ufficio Migrantes di Salerno, don Rosario Petrone, riferendosi a quanti stanno criticando l'accoglienza offerta ai migranti approdati questa mattina al Porto

"Pregheremo affinchè i loro cuori si possano intenerire". Lo ha detto il direttore dell'Ufficio Migrantes di Salerno, don Rosario Petrone, riferendosi a quanti stanno criticando l'accoglienza offerta ai migranti approdati questa mattina al Porto di Salerno. Proprio così: mentre 1044 persone, tra cui bambini, donne in gravidanza e ammalati, dopo un infinito viaggio della speranza in mare sono arrivati in città, c'è anche chi avrebbe preferito chiudere loro la porta in faccia. In molti i salernitani, purtroppo, che tramite i social network e non solo stanno esprimendo il loro dissenso per l'operazione Mare Nostrum e l'attracco della nave nel nostro territorio. "Il nostro Paese si trova in un momento delicato: in tanti emigrano per trovare lavoro altrove. Potrebbe, quindi, capitare a chiunque di essere costretto ad andar via dalla propria Patria in cerca di fortuna. E credo che a nessuno farebbe piacere essere rifiutato", ha aggiunto don Petrone, reduce dalla Festa dei Popoli che si è tenuta domenica, quando è stato fatto volare in cielo un palloncino verde dedicato ai migranti che hanno perso la vita durante il viaggio.

"Per supportare l'opera di don Vincenzo Federico, delegato regionale della Caritas Campania, invitiamo tutte le Caritas parrocchiali ad avviare una raccolta di indumenti estivi per giovani, in modo da poterli donare ai 250 migranti ospitati nella nostra provincia", ha detto il direttore dell'Ufficio Migrantes, facendo appello alla generosità e al buon cuore di tutti i salernitani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento