Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Modifica per il Corpo della Poliza Provinciale: sindacati divisi

Mentre la Cisal annuncia lo sciopero, Cgil e Cisl incoraggiano Strianese a proseguire sulla strada intrapresa

Sono pronti a scioperare, gli agenti della polizia provinciale di Salerno: il presidente di Palazzo Sant'Agostino, Michele Strianese, ha deciso di suddividere i lavoratori in due nuclei per i settori Ambiente e polizia stradale. Tae novità non è stata gradita dalle organizzazioni sindacali non interpellate in merito: "Presenteremo in prefettura la richiesta di raffreddamento dei conflitti - ha detto Angelo Rispoli, segretario generale del Csa Salerno - Si tratta di un atto propedeutico alla sciopero e a un'assemblea unitaria sul caso. Da tempo giacciono inevase delle richieste d'incontro con il dirigente Angelo Cavaliere, comandante ad interim insieme al settore Ambiente della Provincia".

L'altra campana

Dal canto loro, la Fp Cgil e la Cisl Fp, presenti ai tavoli di trattativa della Provincia di Salerno, già dal 2015, chiesero con forza all’amministrazione retta dall’allora Presidente Canfora di mantenere il Corpo di Polizia provinciale per supportare con personale di vigilanza qualificato l’esercizio delle funzioni fondamentali viabilità e ambiente rimaste in capo alla Provincia, "funzioni che continuiamo a ritenere essenziali per la vita del territorio provinciale. Il Corpo fu lasciato in vita ma purtroppo, per i limiti imposti dalla Del  Rio, la sua consistenza numerica fu stabilità in 14 unità da ripartire nei due nuclei, ambiente e sicurezza stradale", scrivono i sindacalisti.

 

I due sindacati, in numerosi comunicati anche partecipati alla Provincia e alla collettività a mezzo stampa, oltre che in diversi incontri tenutisi in Prefettura, hanno segnalato varie problematiche evidenziate dal personale di vigilanza nell’esigibilità di tutte le funzioni e a gran voce hanno chiesto di dare attuazione concreta a quanto stabilito nei vari decreti che si sono succeduti (sui quali c’era stata ampia concordia nei tavoli di concertazione).

La nota dei sindacalisti Alfonso Rianna  e  Miro Amatruda


Finalmente le nostre richieste sono state accolte con il decreto n. 15 del 10 febbraio 2020, sul quale abbiamo raccolto ampio apprezzamento della maggior parte del personale di vigilanza in forza al “Corpo”, con il quale il Presidente Strianese, sostanzialmente, fornisce indirizzo al Dirigente incaricato… di applicare gli articoli 22, 23 e 25 del Regolamento del Corpo di Polizia provinciale del 2012 (unanimamente approvato al tavolo trattante) e di predisporre una proposta di revisione di detto regolamento per renderlo coerente con l’attuale quadro normativo. Chiaramente, per fare ciò, gli atti interni del Corpo sono stati revocati.

Non esistono più, quindi, gli atti che ormai da tanto, da troppo tempo, stiamo contestando.  Atti che spesso, secondo noi, consentivano che i lavoratori fossero trattati come marionette i cui fili potevano essere mossi secondo la momentanea convenienza e non come risorse umane da impiegare a servizio della collettività.

Presidente Strianese, vada avanti come sta facend. La FP CGIL e la CISL FP sono con Lei in questa battaglia di emancipazione del territorio e di rispetto delle regole, nonché di rispetto del diritto e dei diritti.
 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modifica per il Corpo della Poliza Provinciale: sindacati divisi
SalernoToday è in caricamento