menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinarono un Comproro a Montecorvino: in manette due pluripregiudicati

Si tratta di una donna R. O, 41enne di Secondigliano di Napoli e del suo complice, L. C., 43enne ebolitano, ritenuto vicino al clan Maiale

E’ stata una labile traccia a condurre i carabinieri di Battipaglia a incastrare una coppia di rapinatori che nel pomeriggio del 28 dicembre 2012 aveva messo a segno una brutta rapina ai danni di un negozio di Comproro di Montecorvino Pugliano. Indossare un giubbino rosso, assai vistoso e con delle scritte inconfondibili, nel corso di un sopralluogo preparatorio di una rapina, è un errore da principianti - fanno sapere i carabinieri - che dei rapinatori professionisti (come quelli arrestati stamane) non dovrebbero mai commettere.

Ed è proprio il giubbino rosso ad aver condotto i militari all’identificazione di una donna  R. O, pluripregiudicata 41enne di Secondigliano di Napoli). Da qui è stato facile identificare anche il suo complice, L. C., 43enne ebolitano, ritenuto vicino al clan Maiale. Ai due, questa mattina, i carabinieri del tenente Giglio hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Salerno che accoglie in pieno gli esiti dell’articolata indagine coordinata dalla Procura salernitana. Agli arrestati viene contestato il reato di rapina aggravata.

Nel pomeriggio del 28 dicembre 2012, dopo un accurato sopralluogo, con la scusa di contrattare la compravendita di oggetti in oro, i malviventi riuscirono ad introdursi nel negozio di preziosi. Sotto la minaccia di una pistola, dopo aver arraffato circa cento grammi di metallo prezioso, aspettarono pazientemente, tenendo in ostaggio l’unica impiegata, che la cassaforte si aprisse per asportate 8.000 euro in contante e fuggire via.

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento