Morte Chirichella, indagini per far luce sul decesso dell'assassino di Violeta

Il 48enne sarebbe stato affetto da una grave cardiopatia e necessitava di farmaci e cure che, secondo i familiari, non sarebbero state effettuate in carcere

Morì nel carcere di Foggia, lo scorso febbraio, Gimino Chirichella, il 48enne di Sala Consilina accusato dell’omicidio della compagna Violeta Mihaela Senchiu. Per comprendere le cause dell'improvviso decesso, i familiari hanno sporto denuncia presso la Procura della Repubblica di Foggia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dubbi

Il 48enne sarebbe stato affetto da una grave cardiopatia e necessitava di farmaci e cure che, secondo i familiari, non sarebbero state effettuate in carcere. Accertamenti in corso, dunque, per far luce sulla morte dell'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento