Incidente mortale a Salerno, assolto l'amico che diede la moto a De Sarlo

Il tribunale non ha riscontrato una colpa nella condotta del proprietario della Bmw Gs 1200 R. Una vittoria del collegio difensivo formato dagli avvocati Guglielmotti e Conte

Antonio De Sarlo

Era accusato di omicidio stradale ma ora è stato assolto perché il fatto non sussiste. E’ stato scagionato, infatti, il ragazzo 22enne, F.G le sue iniziali, difeso dagli avvocati Giovanni Guglielmotti e Federico Conte, che nell’ottobre del 2018 prestò la sua moto (Bmw Gs 1200 R)  all’amico deceduto Antonio De Sarlo nonostante, quest’ultimo, non avesse la patente A per guidarla. Per la Procura si trattò di “negligenza, imprudenza, imperizia, nonché inosservanza della normativa prevista dal codice della strada”. Il tribunale, però, non ha riscontrato una colpa nella condotta del proprietario della moto. 

L’incidente

La tragedia si consumò nella notte tra il 13 e il 14 ottobre dello scorso anno quando De Sarlo, che indossava il casco, arrivò nel quartiere Carmine dove, in largo Annibale Sterzi, perse il controllo del mezzo andandosi a schiantare contro un’automobile parcheggiata. Il suo corpo fu sbalzato dalla sella e finì per terra sbattendo la testa contro lo spigolo del marciapiedi. Immediato l’intervento dei sanitari del 118. Ma, purtroppo, per lui non ci fu da fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

Torna su
SalernoToday è in caricamento