menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lino Trezza

Lino Trezza

Incidente al porto di Salerno, domani i funerali di Lino Trezza: parla Gallozzi

Il presidente dell’Associazione per la Tutela e lo Sviluppo: "Occorre avviare una nuova grande campagna di sensibilizzazione e di formazione alla sicurezza all'interno dei luoghi di lavoro"

Si svolgeranno domani mattina alle 10, presso la chiesa di Sant’Anna a Pellezzano, i funerali di Lino Trezza, il giovane operaio deceduto mentre lavorava all’interno del porto commerciale di Salerno. Sulla tragedia interviene il presidente dell’Associazione per la Tutela e lo Sviluppo del porto di Salerno Agostino Gallozzi: “A nome mio personale e di tutti gli operatori portuali esprimo, con grande commozione, profondo cordoglio per la tragica scomparsa di Lino Trezza. La nostra comunità è attonita di fronte al gravissimo incidente accaduto nella tarda serata di martedì 22 novembre. In questo momento il nostro pensiero affranto va prima di tutto ai suoi familiari intorno ai quali ci stringiamo addolorati”.

Poi l’imprenditore salernitano conferma: “Il nostro impegno per la sicurezza e la tutela dei lavoratori all’interno dello scalo portuale è senza alcun dubbio la priorità assoluta e prevalente, alla base di ogni ragionamento sulle dinamiche di crescita o di decrescita dei traffici. Né sarebbero minimamente accettabili letture strumentali di quanto è purtroppo, accaduto da parte di chicchessia. Il porto, come luogo di lavoro, è presidiato tutti i giorni dalle istituzioni competenti, Capitaneria, Autorità Portuale, Polizia, che proprio in materia di sicurezza svolgono con grandissima dedizione un compito attento e capillare. Deve prevalere, come per la verità constatiamo già da tempo, il senso delle responsabilità di tutti e di ciascuno di noi. Ben vengano, quindi, gli accertamenti e gli approfondimenti tecnici che le Autorità Inquirenti hanno predisposto. Ogni aspetto dell’episodio di martedì scorso va chiarito fino in fondo”.

Gallozzi ritiene che “sul versante della sicurezza tutti sono chiamati a fare la propria parte: imprese, sindacati ed istituzioni. La sicurezza sul lavoro è un valore fondante ed inalienabile, sul quale siamo tutti massimamente impegnati. Dobbiamo però sempre pensare che si possa fare ancora di più.  La sfida si vince o si perde insieme: non ci sono parti e controparti in campo. Sarebbe una lettura sbagliata e fuorviante. Assotutela si farà promotrice una riunione specifica con le forze sindacali, con l’Autorità Portuale e l’Autorità Marittima per condividere ogni iniziativa utile per avviare una nuova grande campagna di sensibilizzazione e di formazione alla sicurezza, nella consapevolezza che l’unità di intenti resta l’unica strada per migliorare sempre di più le condizioni di un ambiente di lavoro di per sé complesso e non privo di rischi come lo sono tutti i porti del mondo” conclude Gallozzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento