rotate-mobile
Cronaca Fisciano

Incidente mortale a Fisciano: disposta l'autopsia sul corpo di Morelli, c'è un indagato

La Procura di Nocera indaga il conducente del trattore con cui si è scontrato lo scooter del pensionato: lunedì 5 dicembre il conferimento dell’incarico al medico legale

La Procura di Nocera Inferiore ha disposto l’autopsia sulla salma di Carlo Morelli, il settantaduenne di Salerno rimasto coinvolto l'8 settembre 2022 a Fisciano in un grave incidente stradale e deceduto il 26 novembre, dopo più di due mesi e mezzo di agonia, presso la casa di cura Villa Alba di Cava dei Tirreni.

L'inchiesta

Nel registro degli indagati risulta iscritta il conducente del trattore con il quale si è scontrato lo scooter di Morelli, si tratta di C. N., 68 anni, di Fisciano: l’ipotesi di reato che gli viene contestata, per ora, è rimasta quella di lesioni personali stradali gravissime, che si trasformerà in omicidio stradale una volta che la perizia autoptica avrà confermato, com’è altamente probabile - il settantaduenne non si è di fatto mai risvegliato dal coma - che la sua morte è stata dovuta unicamente alle conseguenze dell’incidente, escludendo qualsiasi malpractice medico-sanitaria. Il Sostituto Procuratore conferirà l’incarico per l’esame lunedì 5 dicembre, alle 10, negli uffici giudiziari di via Falcone, al medico legale dott. Giovanni Zotti, che poi procederà con l’autopsia sulla salma, sotto sequestro dell’autorità giudiziaria presso l’obitorio dell’ospedale di Salerno.

La tragedia

Morelli, che risiedeva in via Salvo d’Acquisto con la compagna, assistita da Studio3A, l’8 settembre verso le 10.30 stava procedendo lungo via Giovanni Paolo II, tratto della Strada Provinciale 24a, a Fisciano in sella al suo scooter e, giunto in prossimità del distributore di carburante della Ip, ha superato un mezzo agricolo il cui conducente però, nonostante la linea continua di mezzeria, ha improvvisamente svoltato a sinistra travolgendolo. Il pensionato è stato trasportato in ambulanza in condizioni gravissime all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, con emorragie celebrali multiple causate dal violento trauma cranico riportato nell’impatto con il trattore e poi con la rovinosa caduta al suolo, oltre a fratture varie tra cui al bacino.

E’ stato ricoverato in Neurochirurgia in stato di coma e poi trasferito in Nefrologia per effettuate il trattamento di dialisi trisettimanale a cui si sottoponeva già prima, ha subìto varie complicanze tra cui delle infezioni batteriche curate con terapia antibiotica, e alla fine, l’11 novembre, è stato trasferito in stato di minima coscienza in una struttura riabilitativa dedicata, Villa Alba appunto. Dove però, a causa di un quadro clinico ormai compromesso, è spirato alle quattro del mattino di sabato 26 novembre. La compagna, per fare piena luce sullo schianto costato la vita a Morelli e su tutte le responsabilità sulla sua morte, attraverso il consulente legale dott. Vincenzo Carotenuto si è rivolta a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che ha già fatto richiesta di acquisire il rapporto del sinistro della polizia municipale di Fisciano, intervenuta per i rilievi, per sottoporlo ai suoi esperti, e che sta monitorando da vicino l’inchiesta della Procura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale a Fisciano: disposta l'autopsia sul corpo di Morelli, c'è un indagato

SalernoToday è in caricamento