menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Roberto Longobardi morto ad Angri in una esplosione

Si chiamava Roberto Longobardi il 31enne morto nell'esplosione verificatasi ad Angri: stava preparando botti di Capodanno. Il fratello ricoverato in ospedale a Nocera Inferiore

Si chiamava Roberto Longobardi e aveva 31 anni (non 30) il giovane morto in seguito ad una esplosione verificatasi nella sua abitazione rurale ad Angri. Secondo i primi rilievi dei carabinieri il giovane era intento alla preparazione di fuochi d'artificio.

Roberto Longobardi, si apprende dall'ANSA, era sposato ed aveva un figlio di un mese. Le indagini in corso intendono accertare se l'uomo detenesse in casa altri botti che avrebbero facilitato l'esplosione: sulla tragedia indagano i carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore, agli ordini del maggiore Matteo Gabelloni.

Secondo quanto si è appreso il fratello della vittima, nello scoprire quanto accaduto (la deflagrazione ha spazzato via un'ala della casa) avrebbe tentato di togliersi la vita con una corda e sarebbe stato salvato dai vicini di casa: l'uomo è ora ricoverato in prognosi riservata presso l'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento