Morte Velardi a Castellabate, condannato il principe Angelo Granito

La sentenza è stata emessa, ieri, dal giudice Setta al termine del processo di primo grado presso il tribunale di Vallo della Lucania. Assolti i dipendenti della Comunità Montana

E’ stato condannato ad un anno e sei mesi di reclusione Angelo Granito, principe di Belmonte, per la morte del giovane Carlo Fulvio Velardi. La sentenza è stata emessa, ieri, dal giudice Setta al termine del processo di primo grado presso il tribunale di Vallo della Lucania. Stessa condanna (pena sospesa) anche per i tre responsabili dell’Ufficio Manutenzioni del Comune di Castellabate e per l’ex capo della Polizia Municipale. Assolti, invece, i quattro dipendenti della Comunità Montana che installarono la staccionata dove morì il 15enne.

La tragedia

Era il 26 luglio del 2011 quando Carlo Fulvio Velardi, in vacanza con la famiglia, cadde nel vuoto dopo che la staccionata in legno, su cui si era appoggiato, si spezzò improvvisamente facendogli perdere l’equilibrio. Il principe, proprietario della strada privata ad uso pubblico dove era installata la staccionata, è stato rinviato a giudizio per non aver messo in sicurezza l’area.

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • 5 consigli di bellezza per far durare a lungo la tinta per capelli anche d’estate

I più letti della settimana

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Arriva in ospedale con i testicoli lesionati: la madre sporge denuncia

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Incidente sull'A2 del Mediterraneo, all'altezza di San Mango: 5 feriti di cui uno grave

Torna su
SalernoToday è in caricamento