Allarme movida, De Luca e Napoli ai giovani: "Basta imprudenze, di Covid si muore"

Governatore e sindaco lanciano un nuovo appello alla cittadinanza, in particolare ai ragazzi che frequentano i locali, a rispettare le norme contro la diffusione del virus

De Luca e Napoli

Un nuovo appello ai cittadini di Salerno e della Campania, in particolare ai giovani, affinchè faccia prevalere la responsabilità e la prudenza quando, soprattutto, escono in gruppo e si recano nei locali della movida. A lanciarlo è il governatore Enzo De Luca che, questa mattina, ha dato il via ai lavori per la sistemazione del sagrato della Chiesa Santa Maria a Mare nel quartiere Mercatello.

La scuola e gli arrivi dall’estero

De Luca parla a tutto campo: “Ci avviamo verso l'inizio dell'anno scolastico. Dobbiamo essere attenti per fare in modo che la scuola riprenda in condizioni di sicurezza. Il problema del virus non scomparirà fino a quando non ci sarà un vaccino. Dunque, dateci una mano: uso della mascherina il più possibile, lavaggio delle mani, comportamenti prudenti, se vogliamo avere davanti a noi mesi di grande serenità”. Quanto ai turisti provenienti dagli altri Paesi, il governatore si mostra preoccupato: “Lo Stato deve essere più consapevole dei pericoli che si moltiplicano quando apriamo l'Italia a tutti gli altri Paesi del mondo. Mancano all'elenco dei Paesi ai quali deve essere vietato l'ingresso, gli Stati Uniti d'America ed dell'America Latina, dove abbiamo un livello di contagio ancora pericoloso. Dobbiamo essere attenti”. 

La “strigliata” ai ragazzi della movida

Sollecitato dai giornalisti, De Luca si è soffermato sul comportamento dei ragazzi della movida: “I giovani devono sapere che si muore per il Coronavirus. Noi questo dato lo stiamo sottovalutando. Cominciamo ad avere contagi non solo nella fascia giovanile dai 15 anni in su’, ma anche problemi sanitari gravi con gente ricoverata in terapia intensiva. Mi dicono che ci sono alcune fasce giovanili che continuano, come nelle vecchie abitudini, a scambiarsi persino i bicchieri quando bevono una birra o un alcolico. Questi sono comportamenti idioti e masochistici. Certo, bisogna divertirsi in estate, ma tutelando la propria salute e cioè la propria vita. Lo dico soprattutto a chi ha anziani e bambini in casa. Sulla stessa linea del governatore, il sindaco Vincenzo Napoli che avverte: “Ci sono dei fenomeni di assembramento che si verificano soprattutto nel fine settimana e che riguardano i più giovani. Non vorrei essere costretto a ricorrere ad azioni coercitive, a recintare oppure a chiudere di nuovo. Dobbiamo fare in modo che i giovani ed i giovanissimi - tutti i cittadini - si rendano conto che l'emergenza virus è attenuata ma non superata. Chi immagina che tutto sia risolto e che ormai si possa condurre la "vecchia vita", è in grave errore: mette in pericolo la propria salute e quella degli altri. Pochi, semplici precetti: pulizia scrupolosa delle mani, uso della mascherina quando c'è una moltitudine, distanziamento e divertimento contenuto. Mi rendo conto che i giovani siano esuberanti, ma l'esuberanza va rimodulata alla luce dei rischi che si corrono. 

I contagi nel quartiere Carmine

Napoli è tornato a rassicurare gli abitanti: “Abbiamo avuto nel Rione Carmine due contagi. C'è stata preoccupazione naturale ma è tutto sotto controllo. Per la signora che lavora in banca è stata definita tutta la rete dei contatti avuti e il bar ha deciso di chiudere a scopo prudenziale. Non è possibile immaginare focolai nel Rione Carmine ma questo dà l'idea di cosa accada, se subentra il panico e si perde la lucidità. Dobbiamo essere razionali: devono provvedere le istituzioni ma anche i genitori facciano uno sforzo di convincimento e di spinta morale”. Sulla questione è intervenuto anche De Luca: “Manteniamo i piedi per terra, ma vengano date le notizie giuste. Perché se abbiamo un positivo sotto controllo e si scatena il panico siamo ugualmente irresponsabili.  L’importante è portare sempre la mascherina nei negozi e anche quando si parla in maniera ravvicinata”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento