Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Movida e norme anti-Covid: Salerno e provincia al setaccio, le sanzioni

Particolare attenzione è stata rivolta al controllo degli esercizi pubblici e degli apparecchi automatici del capoluogo per evitare il consumo di alcolici oltre l’orario consentito e la distribuzione di tali bevande a minori

Nei week-end, frequentatissima Salerno come il resto della Campania che resta zona bianca. Non si sono fermati i controlli volti a regolamentare la movida serale, in relazione all’emergenza epidemiologica da Coronavirus, per limitare gli assembramenti - anche provocati dalla consumazione di cibi e bevande all'aperto - garantendo il rispetto del distanziamento e delle direttive ministeriali e regionali. Tutte le zone del capoluogo, maggiormente interessate dalla movida per la presenza di locali, dove maggiori sono i rischi di possibili affollamenti,  sono state controllate dal dispositivo interforze che vede il coordinamento tra la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza, nonché la preziosa sinergia operativa con la Polizia Provinciale, le Polizie Locali ed i Militari dell'Esercito Italiano, che attuano le direttive indicate nell’ordinanza disposta dal Questore a seguito delle indicazioni emerse in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto.

Particolare attenzione è stata rivolta al controllo degli esercizi pubblici e degli apparecchi automatici del capoluogo per evitare il consumo di alcolici oltre l’orario consentito e la distribuzione di tali bevande a minori. A questo riguardo, sono state sanzionate 2 persone sorprese a consumare alcolici su un'area pubblica oltre le 22 e altre 2 per mancato rispetto delle misure di contenimento. Sono stati 7338 le persone, 4075 i veicoli e i 1009 locali controllati. Intanto, 28 le sanzioni al Codice della Strada. Il monitoraggio continua.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida e norme anti-Covid: Salerno e provincia al setaccio, le sanzioni

SalernoToday è in caricamento