Discoteche non a norma: scattano due chiusure nella movida cavese

In uno dei locali,è stato disposto il sequestro penale di alimenti, stipati in cattivo stato di conservazione, oltre alla chiusura immediata del laboratorio cucina a causa delle gravi criticità igienico-sanitarie e strutturali rilevate

Erano in 450, ma sarebbero dovuti essere 105, gli ospiti in una delle discoteche finite nel mirino dei carabinieri del Nas. C'è stato un nuovo blitz a Cava  de’ Tirreni: due le discoteche passate al setaccio. Nel locale che ha superato il numero degli ospiti consentito, sono scattati i sigilli per le violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e di pericolo per la pubblica incolumità. Nel corso dei controlli, è stato disposto il sequestro penale di alimenti, stipati in cattivo stato di conservazione, oltre alla chiusura immediata del  laboratorio cucina a causa delle gravi criticità igienico-sanitarie e strutturali rilevate.

Le verifiche

Nel secondo locale controllato, dopo le verifiche incrociate di Nas-Asl-vigili del fuoco, è stata disposta la chiusura ad horas della cucina adibita a preparazione di pasti, anche qui per gravi criticità igienico-sanitarie e strutturali. Circa le posizioni dei dipendenti: dei 21 lavoratori verificati, uno in servizio è risultato irregolare, in quanto non assicurato. Il monitoraggio prosegue.

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • 5 consigli di bellezza per far durare a lungo la tinta per capelli anche d’estate

I più letti della settimana

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Incidente sull'A2 del Mediterraneo, all'altezza di San Mango: 5 feriti di cui uno grave

  • Si accoltella alla gola e poi si lancia in un dirupo: soccorso giovane a Salerno

Torna su
SalernoToday è in caricamento