Porti europei, la Capitaneria di Salerno bandisce una nave moldava

I controlli del team ispettivo della locale Autorità marittima erano scattati immediatamente all’arrivo in porto della nave, quando era stata ricevuta una nota di agitazione a firma di tutto l’equipaggio

E' stata conclusa un’importante attività di Port State Control nei confronti di una nave battente Bandiera della Repubblica di Moldavia, arrivata lo scorso 29 marzo con un carico di legname proveniente dalla Russia. I controlli del team ispettivo della locale Autorità marittima erano scattati immediatamente all’arrivo in porto della nave, quando era stata ricevuta una nota di agitazione a firma di tutto l’equipaggio che denunciava il mancato pagamento da parte dell’armatore delle spettanze salariali previste da contratto, dichiarando lo stato di sciopero ed il conseguente blocco delle operazioni commerciali. Durante le verifiche a bordo, gli ispettori P.S.C. della Guardia Costiera di Salerno, sotto il coordinamento regionale della Direzione marittima di Napoli, oltre ad appurare la fondatezza delle rivendicazioni dell’equipaggio, hanno riscontrato una serie di gravi violazioni alle norme internazionali in materia di sicurezza della navigazione tali da determinare il fermo della nave in porto.

Il provvedimento

Solo nella giornata di ieri 18 aprile, tutte le maggiori deficienze relative alla sicurezza della navigazione sono state eliminate così come è stato constatato l’avvenuto pagamento da parte dell’armatore di ogni spettanza salariale all’equipaggio, il quale, revocando il proprio stato di sciopero, ha consentito l’avvio delle operazioni commerciali di sbarco del carico a bordo. Seguendo disposizioni nazionali ed internazionali, la Capitaneria di porto ha anche notificato alla nave, alla Società armatrice ed allo Stato di Bandiera un provvedimento di bando della nave in questione dai porti ricadenti nella Regione del Memorandum of Understanding di Parigi (Paris MOU) per tre mesi. Espressioni di vivo compiacimento sono state formulate dal rappresentante locale dell’International Transport Workers’ Federation (I.T.F.) che ha sottolineato l’importante e fondamentale contributo assicurato nella fattispecie dal personale della Capitaneria di porto di Salerno, agli ordini del Capitano di Vascello Giuseppe Menna, che ha saputo proficuamente conciliare il ruolo di vigilanza dell’Autorità Marittima in materia di sicurezza della navigazione e portuale con quella di supporto alla Marineria nella tempestiva risoluzione dell’intera vicenda.

 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Baronissi: morto un 21enne, un arresto per guida in stato di ebbrezza

  • Agropoli, rubata la salma di Pasquale Picariello: familiari sotto choc

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Droga tra Agro e Irno, 14 arresti: uno dei fornitori vicino al clan Fezza - D'Auria

Torna su
SalernoToday è in caricamento