Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Epifania all'insegna del gelo e della neve: l'avviso della Protezione Civile

Le gelate notturne riguarderanno, poi, le zone montuose a quota superiore ai 600 – 700 metri e tenderanno a divenire persistenti a quote collinari e anche inferiori

La Befana quest'anno oltre ai dolciumi, porta anche il gelo. La Protezione civile della Regione Campania, infatti, annuncia un abbassamento delle temperature ed un'intensificazione delle precipitazioni nevose. In particolare, impulsi di aria gelida accompagnati da forti venti provenienti dai settori Nord Orientali, da domani giovedì 5 e almeno fino alla giornata di domenica 8 gennaio, porteranno piogge e gelate notturne, persistenti  anche a quote pianeggianti. I fenomeni interesseranno, inizialmente, le zone appenniniche e le aree interne della regione a quota superiore ai 700 metri di altezza per poi estendersi, progressivamente, a tutto il territorio regionale e interessare quote inferiori fino ai rilievi della zona costiera e, localmente, anche le zone pianeggianti. Le gelate notturne riguarderanno, poi, le zone montuose a quota superiore ai 600 – 700 metri e tenderanno a divenire persistenti a quote collinari  e anche inferiori.

La Protezione civile della Campania, in considerazione delle situazioni di disagio che potrebbero verificarsi a seguito dei  fenomeni previsti, raccomanda alle autorità competenti di assicurare le attività a tutela della popolazione e di attivare tutti gli organismi di vigilanza del territorio.
In particolare si chiede di provvedere alla verifica della funzionalità dei mezzi e delle necessarie dotazioni idonee per contrastare i fenomeni annunciati  (scorte di sale o prodotti disgelanti), nonché di verificare l’efficacia delle procedure, previste dai rispettivi piani d’emergenza, per fronteggiare i rischi o disagi derivanti da nevicate e gelate in particolare per i territori non consueti a confrontarsi con tali fenomeni. E poi di garantire la vigilanza delle condizioni di transitabilità ed all’eventuale spargimento di sale o liquido disgelante sulla viabilità di propria competenza nel rispetto delle norme ambientali. La Protezione Civile, inoltre, chiede non manchino interventi di rimozione della neve prioritariamente dalla viabilità primaria e dalle sedi stradali che collegano strutture sanitarie, produttive e strategiche e di individuare una struttura di accoglienza per i senza fissa dimora e per le fasce deboli della popolazione o persone comunque in forte disagio sociale bisognose di assistenza. Tra le altre richieste, quella di diffondere l’informazione che le basse temperature, per effetto delle gelate,  possono determinare rotture delle condotte idriche e che pertanto è utile adottare accorgimenti, come lasciar scorrere un filo d’acqua dai rubinetti, per scongiurare danni all’impianto ed infine di raccomandare agli allevatori di provvedere al recupero e ricovero del proprio bestiame.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epifania all'insegna del gelo e della neve: l'avviso della Protezione Civile

SalernoToday è in caricamento