Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Falso allarme bomba al tribunale di Nocera, indagate tre persone

Con una scheda sim intestata ad uno straniero, una coppia sarebbe riuscita nel 2019 a segnalare la presenza di una bomba all'interno della cittadella, fermando di conseguenza anche le attività

Tre persone sono indagate dalla Procura di Nocera Inferiore per procurato allarme, ma anche per ricettazione e sostituzione di persona. Una coppia, originaria di Pagani, avrebbe chiamato il 3 ottobre del 2019 alla polizia e al centralino del tribunale di Nocera, paventando la presenza di una bomba. E spingendo le autorità a sospendere e rinviare tutte le udienze.

L'inchiesta

I due lo avrebbero fatto utilizzando una delle sei sim telefoniche che un terzo indagato, un commerciante di Nocera Superiore, aveva intestato ad un cittadino straniero, riuscendo ad ingannare la compagnia telefonica usando i dati dell'uomo, a sua insaputa. E per questo, risponde di ricettazione. L'indagine è stata condotta dal sostituto procuratore Anna Chiara Fasano e dai carabinieri della sezione di p.g. guidata dal luogotenente Alberto Mancusi. Un problema, quello dei falsi allarme bomba, che al momento pare - almeno per un episodio - essersi definito, con l'individuazione dei due dei presunti autori che nel 2019 riuscirono a far fermare le attività giudiziarie. L'indagine ipotizza che la coppia avesse interessi nel far fermare alcune delle cause che quel giorno si celebravano. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falso allarme bomba al tribunale di Nocera, indagate tre persone

SalernoToday è in caricamento