menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bomba esplosa nelle palazzine a Nocera: si indaga su ambienti criminali

L’esplosione aveva provocato il danneggiamento della struttura di un pianerottolo, la rottura di un cancello di ferro e il crollo di parte dell’intonaco intorno alle scale

Sull'esplosione di una bomba tra le palazzine di Montevescovado, si lavora negli ambienti criminali del territorio nocerino, con una serie di interrogatori svolti dagli investigatori dopo l’ordigno esploso nella serata di domenica al lotto 2 dei prefabbricati pesanti di via Fedele. La polizia lavora alla matrice dell’episodio, partendo da un ordigno confezionato artigianalmente fatto esplodere nel vano scale di uno degli alloggi realizzati dopo il terremoto del 1980, cercando elementi a partire dai rilievi svolti sul luogo e vagliando le testimonianze raccolte. L’esplosione aveva provocato il danneggiamento della struttura di un pianerottolo, la rottura di un cancello di ferro e il crollo di parte dell’intonaco intorno alle scale, con i passamani delle scale caduti con le coperture in plastica sui gradini. 

L'episodio

La valutazione del fatto resta al vaglio per inquadrare eventuali ragioni legate al sottobosco dei rapporti tra personaggi appartenenti ad ambienti criminali, con un preciso significato per l'esplosione, rivolta ad un presunto destinatario, oppure relegarlo ad una bravata o ad un gesto privo di significato. il botto. Gli inquirenti non escludono l’atto intimidatorio rivolto a qualche personaggio già noto alle forze dell’ordine. Sulle scale era stata trovata e refertata una batteria del tipo adoperato per alimentare mezzi a motore, con accertamenti tecnici per eventuali collegamenti con l’innesco e il successivo scoppio del materiale esplodente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento