Cronaca Nocera Inferiore

Nocera, visite in più ospedali: medico cardiologo assolto dall'accusa di truffa

Nello specifico, per aver svolto prestazioni mediche in intramoenia all’interno di una stessa Asl, violando così una regola che lo vietava. Prestazioni che l'imputato aveva svolto e per le quali era stato poi indagato. 

E' stato assolto un medico cardiologo dell'Umberto I di Nocera Inferiore dall'accusa di truffa, perchè il fatto non sussiste. La sentenza è del gup al termine del rito abbreviato. Il primario era accusato di truffa nei confronti dell'Asl. Nello specifico, per aver svolto prestazioni mediche in intramoenia all’interno di una stessa Asl, violando così una regola che lo vietava. Prestazioni che l'imputato aveva svolto e per le quali era stato poi indagato. 

Il rito abbreviato

Il medico aveva sempre respinto le accuse, rinunciando anche alla prescrizione. Tra il 2012 e il 2014, quando vi fu l'accorpamento delle tre precedenti Asl, il medico, si era trovato a svolgere prestazioni in intramoenia tra il 2012 e il 2014. Nei fatti, aveva effettuato turni presso i presidi ospedalieri di Sapri, Eboli, Oliveto Citra, Cava de’ Tirreni e Castiglione di Ravello mentre era in servizio all’Umberto I. Secondo la pubblica accusa, avrebbe così indotto in errore l’amministrazione di appartenenza, l’Asl, circa la durata effettiva dell’attività lavorativa. E dunque ottenendo un ingiusto vantaggio patrimoniale di 273mila euro, importo pari alle retribuzioni per le prestazioni suppletive negli altri ospedali. La difesa del cardiologo ha prodotto i referti medici sottoscritti del loro assistito, durante le attività nei vari presidi, dimostrando l’effettiva erogazione del servizio. Alla fine è prevalsa quella che il cardiologo, avendo svolto più incarichi nella stessa Asl, costituita nel corso del tempo, non aveva provocato danni akl’amministrazione per la quale lavorava

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocera, visite in più ospedali: medico cardiologo assolto dall'accusa di truffa

SalernoToday è in caricamento