Al via i campi estivi organizzati dal Comune di Nocera Inferiore

E’ ufficialmente partito luned' il primo gruppo di beneficiari. Il campo estivo garantirà una capienza di 100 bambini

E’ stato pubblicato dal Comune di Nocera Inferiore l’elenco delle 16 strutture accreditate che hanno risposto all’avviso pubblico per l’Ambito Sociale S01_1 per la costituzione dell’elenco dei soggetti prestatori, autorizzati allo svolgimento dei centri estivi ed attività socio educative. E’ ufficialmente partito due giorni fa il primo gruppo di beneficiari. Il campo estivo garantirà una capienza di 100 bambini.

I dettagli

La prima fase ha predisposto l’accreditamento delle strutture, la seconda ha vagliato la richiesta di adesione dei voucher da parte delle famiglie che ne faranno richiesta. L’assessore al ramo, Antonietta Manzo ha curato l’implementazione del progetto e ha assicurato la durata  del servizio per un minimo di 2 settimane ed un massimo di 3. L’amministrazione Torquato, in tema di politiche sociali ha garantito un servizio essenziale per le famiglie nocerine, nello scrupoloso  rispetto di tutte le misure contenute nelle “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità̀ organizzate di socialità̀ e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza COVID19” emanate dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia ed all’Ordinanza della Regione Campania n. 55 del 5/6/2020.

I centri estivi

Il servizio di centri estivi ed attività estive per minori si configura come una serie di attività, che si realizzano nel periodo estivo e/o in altri periodi di sospensione dell’attività̀ scolastica e dei servizi educativi, volte ad organizzare il tempo libero dei bambini/e dei ragazzi/e in esperienze di vita comunitaria per favorire la socializzazione, lo sviluppo delle potenzialità̀ individuali, l’esplorazione e la conoscenza del territorio, nonché́ assolvere al tempo stesso anche una funzione sociale, a contenuto pedagogico. Le attività dei centri estivi garantiranno i servizi per l’Infanzia e l’adolescenza attraverso la realizzazione di progetti di attività ludico-ricreative. I beneficiari saranno i bambini di età superiore ai 3 anni ed adolescenti, che con la presenza di operatori addetti alla loro conduzione, utilizzeranno le potenzialità di accoglienza di spazi per l’infanzia e delle scuole o altri ambienti idonei allo svolgimento delle suddette attività

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento