"Nocera de' Pagani": chiusa maxi indagine su un giro di cocaina ed eroina

Dodici gli indagati. L’inchiesta abbraccia un periodo che va da giugno 2015 fino al successivo mese di novembre. Il canale di approvvigionamento arriva fino al casertano, nella zona di Castel Volturno

Da Nocera Inferiore a Pagani, con un canale a collegare le due città di cocaina ed eroina. Eccola l'ultima inchiesta conclusa dalla Procura di  Nocera Inferiore su un vasto spaccio di droga. Dodici gli indagati, tra i quali spicca Salvatore Fezza, il 27enne figlio di Tommaso, boss ergastolano del clan omonimo a Pagani. L’inchiesta abbraccia un periodo che va da giugno 2015 fino al successivo mese di novembre. Il canale di approvvigionamento arriva fino al casertano, nella zona di Castel Volturno. E solo in un caso a Napoli. Indagine coordinata dal sostituto procuratore Roberto Lenza, con il lavoro sul campo della polizia di stato, tra intercettazioni, pedinamenti e riscontri per ogni singola cessione. 

Cocaina ed eroina tra le due città

Sono trentaquattro i capi d’imputazione, con accuse perlopiù identiche per tutti: detenzione in concorso ai fini di spaccio. Tra i tanti episodi, ce n’è uno dove gli inquirenti sono riusciti ad individuare almeno 30 persone che hanno acquistato dosi di cocaina o di eroina. Dal 28 luglio 2015 al 5 novembre dello stesso anno, invece, vengono identificate le quattro persone che avrebbero acquistato la droga fuori provincia. Tutti i coinvolti hanno ora 20 giorni di tempo per presentare memorie difensive o chiedere di essere interrogati sulle accuse mosse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

Torna su
SalernoToday è in caricamento