Minacce e appostamenti per estorcergli 700 euro: nocerino chiede scusa dinanzi al giudice

In tempi diversi, i due indagati hanno ammesso le loro colpe. Sono accusati di estorsione e stalking in concorso. Con la scusa di una bicicletta "rotta", avevano perseguitato due minorenni sottraendogli in tutto circa 1500 euro

Ha chiesto scusa, riconoscendo le sue colpe, il 17enne che insieme ad un 18enne, è indagato per estosione e stalking in concorso verso due minorenni. Con la scusa di aver danneggiato la bicicletta di uno dei due, entrambi avevano preteso 700 e 800 euro dalle vittime. Approfittando delle loro debolezze e timore, scaturito dalle minacce dei due indagati. Il minore è comparso giorni fa dinanzi al gip, dicendosi pronto a riparare il danno. Giorni prima, il 18enne aveva fatto lo stesso, ammettendo gli addebiti dinanzi al gip. Per lui erano scattati gli arresti domiciliari

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le minacce

A condurre le indagini era stata la polizia di Stato, dopo la denuncia del padre di una delle vittime, insospettito dai comportamenti del figlio - non mangiava nè dormiva più - e dalle sue pressanti richieste di denaro. Soldi che il ragazzo voleva consegnare al suo aguzzino, perchè impaurito dai suoi modi. Stessa sorte per l'amico, anche lui minorenne, bersagliato di minacce e telefonate intimidatorie, anche in piena notte, affinchè consegnasse quei soldi. Nelle carte della procura si parla anche di minacce esplicite di morte, consumate dai due indagati, che si sarebbero presentati anche dalla famiglia di una delle due vittime, nel pretendere sempre più soldi. La scusa era quella di riparare la bicicletta danneggiata, ma il denaro che avrebbero accumulato superava di gran lunga il danno subito. I due indagati riuscirono a raccogliere da entrambi i minorenni 800 e 700 euro. Prima di essere arrestati, con i fatti che risalgono alla fine di aprile scorso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento