Cronaca

Fusione delle due Nocera: il Comitato pro unione non si arrende

"Il nostro scopo - dicono - è giungere al referendum per chiedere ai nocerini, gli unici legittimati a decidere, di pronunciarsi sulla creazione della città unica di Nocera"

Il Comitato a favore della fusione tra le due città di Nocera Inferiore e Nocera Superiore continuerà la sua attività di informazione sui benefici dell'unione. Nonostante le denunce del Comune di Nocera Superiore su chi utilizza il simbolo della città per attività di propaganda

La nota

"L'amministrazione comunale di Nocera Superiore - si legge in un comunicato stampa - ha deliberato di agire in giudizio contro il comitato per il Referendum sulla fusione delle due Nocera perché ha utilizzato l'immagine dello stemma di Nocera Superiore in modo improprio e non autorizzato. In realtà abbiamo utilizzato quell'immagine sempre associata all'immagine dello stemma del Comune di Nocera Inferiore, perché i due stemmi associati per noi rappresentano visivamente il sogno di realizzare in giorno la Grande Nocera Unita. I due loghi sono stati utilizzati in post e in una brochure di tipo divulgativo sul tema della fusione, quindi facciamo fatica a pensare che sia stato un uso improprio. Un'amministrazione pro tempore che vuole trascinare in giudizio un comitato di privati cittadini realizza un pericoloso vulnus della democrazia e tenta, di fatto, di mettere un bavaglio al dibattito politico su un tema che riguarda il futuro dei nocerini nei secoli successivi. Il nostro scopo è giungere al referendum per chiedere ai nocerini, gli unici legittimati a decidere, di pronunciarsi sulla creazione della città unica di Nocera. Un'amministrazione comunale che impedisce ai propri cittadini di esercitare la forma massima di democrazia prevista dalla Costituzione, utilizzando la via giudiziaria per "neutralizzare" chi la pensa diversamente, comprime la libertà di ciascuno di noi" 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fusione delle due Nocera: il Comitato pro unione non si arrende

SalernoToday è in caricamento