Maxi truffa a danno dell'Inps, indagine chiusa: sono 65 gli indagati

Le indagini presero il via 2016, permettendo di disarticolare un gruppo, attivo tra l'Agro nocerino e l'hinterland vesuviano, del quale facevano parte anche commercialisti, imprenditori e faccendieri

Sono 65 le persone indagate nell'indagine, appena conclusa dalla procura di Nocera Inferiore, su una maxi truffa consumata a danno di Inps e Agenzia delle Entrate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le accuse

Le indagini presero il via 2016, permettendo di disarticolare un gruppo, attivo tra l'Agro nocerino sarnese e l'hinterland vesuviano, del quale facevano parte anche commercialisti, imprenditori e faccendieri che avrebbero beneficiato di erogazioni previdenziali dell'Inps e crediti di imposta non dovuti grazie a società fittizie e false assunzioni. Il danno accertato per l'erario fu di circa 2 milioni di euro a titolo di indennità previdenziali e di circa 20 milioni a titolo di credito di imposta. I beni sequestrati avevano un valore di 7 milioni di euro. L'operazione "Leonardo", dal nome di una delle ditte riconducibili ad un antiquario di Gragnano - considerata la mente del "sistema" - giunse dopo la maxi inchiesta "Mastrolindo". Condotta sempre dalla Procura di Nocera Inferiore, che portò in passato all'esecuzione di 44 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di imprenditori e professionisti e al sequestro preventivo di beni per un valore complessivo di oltre 137 milioni di euro, in relazione alla scoperta di svariate aziende (ubicate nell'agro nocerino-sarnese e operanti nel terziario, soprattutto ditte di pulizie), risultate "scatole vuote" costituite al solo scopo di "caricare" su di esse migliaia di rapporti di lavoro fittizi, al fine di conseguire indebite erogazioni previdenziali e assistenziali dall'INPS (indennità di disoccupazione, maternità e malattia). Un obiettivo poi accertato anche in questo nuovo filone d'indagine, che ricostruisce sessantasei capi d'accusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento