Nocera Inferiore, Mariniello choc sull'omicidio Barbarulo: "Ecco chi lo ha ucciso"

L'avvocato Giorgio Barbarulo sarebbe stato ucciso da Francesco Sorrentino. Lo ha detto Macario Mariniello, l'ex capozona della NCO negli anni 80, ieri mattina in Corte d'Assise. Ma Sorrentino, già processato e assolto, è deceduto da un anno

L'avvocato Giorgio Barbarulo sarebbe stato ucciso da Francesco Sorrentino. Lo ha detto Macario Mariniello, l'ex capozona della NCO a Nocera Inferiore, negli anni 80, ieri mattina in Corte d'Assise. Sullo sfondo c'è il processo che deve celebrarsi per la morte del legale, ex sindaco di Nocera Inferiore, ucciso con otto colpi di pistola fuori al suo studio, il 29 luglio 1980

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le dichiarazioni del "boss"

Macario Mariniello, poco prima che i giudici aggiornassero il processo alla prossima udienza, dove si aprirà anche il dibattimento con le richieste istruttorie, ha chiesto di fare delle dichiarazioni spontanee. "Sono 40 anni che aspetto di spiegare la mia versione dei fatti - ha esordito il nocerino - quel giorno ero con Prisco Mario e "Franchino" Sorrentino in auto. Vidi il portone dell'avvocato Barbarulo aperto e mi fermai. Non avevo un appuntamento. Dentro vidi l'avvocato che si stava masturbando e mia sorella in stato ipnotico, mezza nuda. L'avvocato venne vicino a me per chiedermi scusa ma io gli diedi uno schiaffo. Poi andò via. Mentre rivestivo mia sorella, tornai fuori e vidi l'avvocato a terra. E' Sorrentino che lo ha sparato". Secondo due sentenze di condanna, annullate dalla Cassazione per vizi procedurali sull'estradizione del 60enne, fu invece Mariniello a uccidere l'avvocato. Lo avrebbe fatto con otto colpi di pistola, esplosi da una calibro 7,65. Un omicidio per tutelare il suo "onore" e vendicare quella relazione extraconiugale tra l'avvocato e la sorella di Mariniello. Sullo sfondo ora c'è l'accusa in correità per Sorrentino, anche lui affiliato alla Nco, sul territorio di Sant'Egidio del Monte Albino, deceduto a dicembre 2017 per un tumore alla prostata. E già giudicato, con tanto di assoluzione, per l'omicidio Barbarulo. Il processo è stato aggiornato al prossimo 24 ottobre. Ieri mattina il processo ha registrato il rigetto della questione preliminare presentata dall'avvocato della difesa sull'estradizione di Mariniello. Decisione sulla quale i giudici si erano riservati una settimana fa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Covid-19, De Luca firma l'ordinanza: movida di nuovo sotto controllo

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento