Usura aggravata dal metodo mafioso, il tribunale di Nocera scarcera Macario Mariniello

L'imputato è stato sottoposto al divieto di dimora in Regione Campania

Usura aggravata dal metodo camorristico, torna in libertà Macario Mariniello, ex affiliato della Nco. L'imputato è stato sottoposto al divieto di dimora in Regione Campania. Il tribunale che lo sta processando per il reato di usura, ha accolto l'istanza presentata dai legali difensori, gli avvocati Gregorio Sorrento e Silverio Sica.

Il processo

Insieme al nocerino, ci sono altri tredici imputati, accusati a vario titolo di usura, ma anche di favoreggiamento personale. Soggetti che avrebbero negato di aver chiesto prestiti, per poi restituirli con tanto di interessi. L'indagine ha già registrato la condanna di altri tre imputati - tutti appartenenti al nucleo familiare di Mariniello - fino al secondo grado. Giorni fa, il collegio ha registrato la testimonianza di uno degli imputati, che avrebbe negato di aver avuto a che fare con Mariniello. Prima di lui, il lungo esame del colonnello Mambor, che aveva ripercorso tutte le fasi dell'indagine: dai sequestri di materiale compromettente e cartaceo, fino all'individuazione delle vittime e al contenuto delle intercettazioni, dove gli imputati avrebbero minacciato con violenza chi non onorava in tempo i pagamenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento