rotate-mobile
Cronaca Nocera Inferiore

Minacce di morte per avere i soldi della vendita di un camion, assolto

Il dibattimento non ha prodotto prove sufficienti per una condanna, e questo perchè l'esame della vittima "non sembra fornire un quadro fattuale scevro da contraddizioni rispetto a quanto da lui stesso dichiarato in sede di querela"

Rispondeva di violenza privata, dopo aver preteso dei soldi per la vendita di un camion, altrimenti avrebbe procurato alla vittima "un danno", per poi aggiungere "prendo la pistola e ti sparo". Il tribunale di Nocera Inferiore lo ha assolto per non aver commesso il fatto. L'imputato, di Nocera Inferiore, era difeso dal legale Antonello Coppola. I fatti risalgono al 2016, con l'indagine partita dopo la denuncia della vittima ai carabinieri. Secondo il suo racconto, l'uomo fu raggiunto dall'attuale imputato, nei pressi di casa, insieme ad altre due persone. Ne scaturì anche una colluttazione. Il dibattimento, tuttavia, non ha prodotto prove sufficienti per una condanna, e questo perchè l'esame della vittima "non sembra fornire un quadro fattuale scevro da contraddizioni rispetto a quanto da lui stesso dichiarato in sede di querela". 

La storia

L'uomo, ad esempio, avrebbe fornito due versioni su quell'incontro: di essere stato prima aggredito da un'altra persona e di essersi ferito, per poi dire al giudice di aver subito un'aggressione anche dall'imputato e solo in quell'occasione, di essersi ferito ad un dito. Il tribunale ha inoltre rimarcato come dall'escussione di due familiari della vittima, due delle tre persone presenti presso casa della vittima non avevano avuto comportamenti minacciosi e di aggressione. Il giudice ha così sottolineato "divergenza significativa rispetto alle emergenze della fase investigativa", conclusa con l'assoluzione dell'imputato.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce di morte per avere i soldi della vendita di un camion, assolto

SalernoToday è in caricamento