rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Nocera Inferiore

Nocera Inferiore, donna muore dopo intervento: marito denuncia il caso dopo 15 giorni

La procura ha aperto un fascicolo sul decesso misterioso di una donna di 44 anni, sottoposta ad un intervento di chirurgia. Si valuta la riesumazione della salma: nel mirino diversi medici ed infermieri. Si attende consulenza su cartella clinica

Esegue degli accertamenti medici, poi dopo qualche settimana si sottopone ad un intervento chirurgico per un problema addominale. Ma dopo poco, muore. Ora il marito ha denunciato tutto alla procura, sebbene quindici giorni dopo i fatti. Sono questi i contorni di una vicenda che abbraccia il decesso di una donna di Nocera Inferiore di 44 anni, avvenuto agli inizi di febbraio. L’attività investigativa è coordinata dal sostituto procuratore Ernesto Caggiano, che al momento valuta se iscrivere personale medico nel registro degli indagati. La tempistica della denuncia, in questi casi, richiederà tempi differenti rispetto a quelli tradizionali. Al momento, il magistrato ha disposto il sequestro della cartella clinica presso l’ospedale Umberto I. Nelle prossime ore conferirà incarico ad un perito che analizzerà i dati clinici della paziente, l’iter seguito dalla stessa e gli accertamenti medico-chirurgici eseguiti nel tempo. Dai risultati di quella perizia, si passerà alla fase successiva, che potrebbe includere la riesumazione del cadavere con contestuale autopsia.

Questo, allo scopo di ottenere maggiori informazioni sul decesso. Nella denuncia, il marito della donna avrebbe ripercorso l’iter al quale si era sottoposta la moglie, comprensivo degli interventi (uno in particolare, quello chirurgico) eseguiti dai medici dell’ospedale. Fino alla volontà di denunciare affinché la magistratura facesse luce su quella morte che lo avrebbe lasciato pieno di dubbi, oltre che scosso da una ricerca immediata della verità. L’inchiesta è nella sua fase embrionale: la procura procede a piccoli step, limitandosi alla sola analisi della cartella clinica e alla valutazione di eventuali patologie delle quali avrebbe sofferto la donna (le sue condizioni non sarebbero state delle migliori prima dell’intervento). Solo dopo aver valutato con un perito il quadro clinico della paziente, potrebbe inviare i primi avvisi di garanzia a medici o infermieri che avrebbero avuto in gestione la 44enne. Il caso viene seguito anche dalla direzione sanitaria dell’Umberto I.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocera Inferiore, donna muore dopo intervento: marito denuncia il caso dopo 15 giorni

SalernoToday è in caricamento