Neonato morto dopo parto trigemellare: 18 indagati tra medici e sanitari

Proseguono le indagini per fare luce sulla dinamica dell'accaduto e soprattutto su eventuali responsabilità da parte delle persone coinvolte. Su di loro pende l'accusa di concorso in omicidio colposo

Proseguono le indagini della Procura di Nocera Inferiore per fare luce sulla vicenda relativa al parto trigemellare di una donna del posto, terminato col decesso di uno dei figli (il maschietto).

L’inchiesta

Sono 18 le persone iscritte nel registro negli indagati, su cui pende l’ipotesi di reato di concorso in omicidio colposo.  Tra questi vi sarebbe un medico del Policlinico Federico II di Napoli, gli altri sarebbero tutti medici e infermieri del nosocomio nocerino “Umberto I”. E’ atteso, nelle prossime ore, il conferimento da parte della Procura al medico legale per effettuare l’autopsia sul corpicino del neonato morto. Su cosa sia realmente accaduto sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore che, nei giorni scorsi, hanno già sequestrato documentazioni sanitarie della 37enne. 

Il dramma

Secondo una prima ricostruzione, dopo la rottura anticipata delle acque, la donna, positiva al Covid-19, è stata condotta al pronto soccorso dell’ospedale “Umberto I” per una visita ginecologica. Poi, visto che in Campania è in vigore un protocollo preciso che prevede che le donne in stato interessante colpite da Coronavirus vengano ricoverate al Secondo Policlinico di Napoli, con un’ambulanza del 118 di Nocera Superiore è stata trasferita proprio nel centro di riferimento regionale, dove, però, viene comunicato agli operatori sanitari che non vi sono posti disponibili. E così, in preda alle contrazioni ed in pieno travaglio, la 37enne viene nuovamente portata all’ospedale di Nocera Inferiore, dove, grazie alla tempestività di medici e infermieri, dà alla luce i tre neonati: uno di loro (il maschietto), purtroppo, è deceduto, pare per un arresto cardiaco; la prima femminuccia è ricoverata nel reparto di terapia intensiva neonatale, mentre l’altra è stata trasferita all’ospedale “Moscati” di Avellino. Le loro condizioni di salute non sono gravi. La donna, invece, è tuttora ricoverata nel reparto di ginecologia a Nocera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento