menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinarono tabacchi poi le botte prese dai titolari: vanno a processo

I due sono accusati di rapina aggravata: il 29 marzo 2016 piombarono dentro una tabaccheria di via Astuti, situata a pochi metri da quella dove morì Gaetana Spinosa

Avevano tentato il colpo in quella stessa strada dove 6 anni prima, due stranieri, uccisero una tabaccaia durante una rapina. Ma gli andò male e ora saranno processati. I due imputati sono P.P. , di 20 anni e S.V. , di 24. Il primo è atteso dal dibattimento dopo essere stato rinviato a giudizio, mentre per il secondo vi sarà rito a parte. I due sono accusati di rapina aggravata: il 29 marzo 2016 piombarono dentro una tabaccheria di via Astuti, situata a pochi metri da quella dove morì Gaetana Spinosa. Il 24enne era coperto da un passamontagna nero mentre il più giovane da uno scalda collo. Al suo interno i titolari stavano chiudendo l’attività. Uno dei due, durante una colluttazione, riuscì a colpire il 20enne con un catenaccio, che aveva già in mano per chiudere la saracinesca.

La fuga e gli indumenti insanguinati

La vittima provò a far desistere il giovane, che finì a terra e preso ripetutamente a calci. Ma ciò nonostante, insieme al complice riuscì a impossessarsi di 600 euro in contanti, scavalcando il bancone e arrivando alla cassa, portando via anche 200 euro di biglietti gratta e vinci. I due si diedero poi alla fuga, inseguiti dai carabinieri in direzione dei campi di calcetto di via Cuomo. Il 20enne, forse per spaventare i militari, cacciò dal giubbotto una pistola puntandola contro l’appuntato che lo inseguiva. Con la destra mirò, senza mai sparare, mentre con la sinistra manteneva la fronte per la ferita riportata a seguito della colluttazione nella tabaccheria. I carabinieri ne persero le tracce, ma le indagini del nucleo investigativo condussero all’arresto del 20enne il mese successivo, con un’ordinanza a firma del Gip del tribunale. Oltre al reato di rapina aggravata, il giovane dovrà difendersi anche dall’accusa di detenzione di arma da fuoco e arma bianca. Le indagini si avvalsero di telecamere di sorveglianza e delle tracce lasciate sui giubbotti dei due rapinatori, sporchi di sangue e dei due coltelli, ritrovati dai carabinieri di Pagani in via Scarano quello stesso giorno. Il processo per P.P. partirà il 10 aprile. Il complice, denunciato a piede libero, sarà giudicato dopo stralcio della Procura.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento