menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corruzione elettorale per le regionali del 2015, Salvatore Arena precisa: "Estraneo completamente all'indagine"

L'ex assessore di centrodestra, con un passato nel centro, non risulta indagato. Ma la sua elezione è al vaglio dell'Antimafia di Salerno che ipotizza uno scambio di favori e soldi per farlo eleggere. Tre le posizioni attenzionate

"Sono estraneo a logiche quali quelle sottese ai presunti fatti di indagine". Lo dichiara Salvatore Arena, esponente politico di Nocera Inferiore, sul quale la Procura Distrettuale Antimafia ha aperto un'inchiesta legata alla tornata elettorale, valida per le regionali, del 2015. Il sostituto Giancarlo Russo procede per corruzione elettorale, con l'ipotesi che qualcuno si sia impegnato a raccogliere voti per l'ex esponente di Udeur e Udc, oltre che ex assessore della giunta di Edmondo Cirielli, ora impegnato a preparare una lista per le elezioni a Nocera Inferiore, in favore del sindaco uscente Manlio Torquato. La premessa doverosa da fare è che Salvatore Arena non è indagato, mentre lo sono invece l'ex consigliere provinciale Antonio Anastasio (ristretto ai domiciliari e accusato di aver trattato con personaggi in odore di camorra per essere eletto quale consigliere comunale a Pontecagnano); il nocerino Silvio Cuofano (agli arresti domiciliari e coinvolto nel maxi blitz sul "clan" di Pietro Desiderio a Mercato San Severino) e Carmine Afeltra, anche lui nocerino. Il filone sulle regionali del 2015 scaturisce proprio dall'indagine di Russo su quel giro di estorsioni tra l'Agro nocerino sarnese e la Valle dell'Irno, con il gruppo criminale di Pietro Desiderio desideroso di imporsi in una propria zona territoriale. Il fascicolo sulla tornata elettorale è la diretta conseguenza di alcune telefonate ascoltate dagli inquirenti

In una di queste - slegata dal contesto criminale - sarebbero emersi delle attenzioni per la posizione di Salvatore Arena e sulla sua elezione per il posto di consigliere regionale. Un ruolo - stando agli inquirenti - lo avrebbe svolto proprio Anastasio. Arena si candidò nella lista di Fratelli d'Italia e fu il secondo dei non eletti, raccogliendo più di diecimila voti. Un buon risultato lo avrebbe ottenuto nella zona di Pontecagnano, comune che la Dda collega alla presenza di Anastasio. Attraverso il suo legale di fiducia, Valerio De Nicola, Salvatore Arena ci tiene a precisare: "Premesso che qualsiasi indagine da parte di organi inquirenti è senza dubbio ben accetta in quanto occasione qualificata per fare chiarezza sui singoli attori della scena politica, compreso naturalmente il sottoscritto, devo evidenziare la mia assoluta estraneità a logiche quali quelle sottese ai presunti fatti di indagine. A riprova di tanto vi sono oltre trent’anni di storia politica alle mie spalle che comprovano l’assoluta correttezza dell’operato dello scrivente, sia sotto il profilo giuridico che dei rapporti personali, oltre al puntuale e corretto adempimento degli impegni assunti in ogni sede, politica ed amministrativa. L’auspicio, pertanto, è che la magistratura possa chiarire entro tempi ragionevoli le circostanze del caso, estromettendo la mia persona da qualunque posizione di equivocità. Dichiaro comunque, sin da ora la mia assoluta disponibilità a fornire qualsivoglia contributo diretto a chiarire la mia posizione, qualora dovesse risultare necessario". Intanto, il sostituto Giancarlo Russo procederà a giorni ad interrogare le tre posizioni al momento attenzionate, dopo l'ascolto di alcune telefonate. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento