Nocera, spari per gestire un parco giochi e lo spaccio, in due rischiano la condanna

Rischiano 4 anni e  6 mesi e 4 anni di reclusione A.N. e M.I. , che il 4 e 5 settembre 2016, diedero inizio, a colpi di pistola, ad una guerra tra due bande criminali, culminata poi nel processo "Un'altra storia"

Rischiano 4 anni e  6 mesi e 4 anni di reclusione A.N. e M.I. , che il 4 e 5 settembre 2016, diedero inizio, a colpi di pistola, ad una guerra tra due bande criminali, culminata poi nel processo, attualmente in corso a Nocera Inferiore, "Un'altra storia". Ieri mattina, il pubblico ministero ha chiesto per entrambi la condanna. Il prossimo 8 marzo la sentenza del gup

I fatti

La genesi di quei fatti - secondo indagini dell'Antimafia - sarebbe stata collegata alla gestione di un parco giochi e ad un'attività di spaccio che non doveva essere interrotta. Le accuse per i due imputati sono di detenzione di arma da fuoco in luogo pubblico, lesioni per A.N. e minaccia per M.I. Tutto aggravato dal metodo mafioso. Il 4 settembre. AN. ferì M.I. con un proiettile calibro 7,65. Quella gambizzazione era un avvertimento. La vittima fu soccorsa in ospedale, con una prognosi di 20 giorni. Il giorno dopo, M.I. ,insieme ad un'altra persona mai identificata, sparò più volte sulla porta d'ingresso di A.N. Da lì a qualche giorno a Nocera si sarebbero registrati altri episodi simili, tra gambizzazioni e "sgarri", che la Dda giustificò come una guerra tra una serie di gruppi "di natura criminale". I due gruppi avrebbero fatto riferimento ai fratelli Cuomo e D'Elia. Episodi che furono il preludio poi ad un maxi blitz che portò in carcere 22 persone. Ad incastrare i due indagati nel giudizio che il giudice emetterà per loro a febbraio, furono anche le intercettazioni ambientali dei familiari, oltre a quelle dei due imputati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Agropoli, rubata la salma di Pasquale Picariello: familiari sotto choc

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Allaccio abusivo alla rete Enel: arrestato il titolare de "Il Giardino degli Dei H24"

  • Morte di Melissa La Rocca, le parole della sua prof a una settimana dalla tragedia

Torna su
SalernoToday è in caricamento