rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Nocera Inferiore

Spara al vicino di casa, chiede scusa durante l'interrogatorio: resta ai domiciliari

Si è difeso spiegando di essere stato aggredito, chiedendo scusa per quanto commesso: così il 70enne finito ai domiciliari per tentato omicidio e detenzione di arma di fronte al giudice, nel corso dell’udienza di convalida di giorni fa. 

Si è difeso spiegando di essere stato aggredito, chiedendo scusa per quanto commesso: così il 70enne finito ai domiciliari per tentato omicidio e detenzione di arma di fronte al giudice, nel corso dell’udienza di convalida di giorni fa. 

L'arresto

L’indagato ha aggiunto di essersi armato, dopo il primo incontro con la vittima, un vicino cinquantacinquenne, temendo una nuova aggressione, decidendo di sparare di fronte all’atteggiamento minaccioso. Dopo l’interrogatorio l’indagato, difeso dal legale Francesco Vicidomini, ha avuto la conferma dei domiciliari fuori dal comune di Nocera Inferiore. La vicenda si era consumata domenica scorsa al centro della città tra la folla, con un unico sparo dopo un secondo incontro tra i due. In quell'occasione era rimasto ferito il 55enne, mentre per il 71enne, bloccato dalla vittima ma anche da un finanziere fuori dal servizio, era scattato l'arresto per tentato omicidio e detenzione di arma da fuoco in luogo pubblico. 

Tra i due c'era stato un precedente, prima, poco distante da Piazza del Corso. I due erano venuti alle mani per delle vecchie problematiche del passato. Le quali duravano da anni. Intorno a mezzogiorno, il settantenne aveva di nuovo incrociato il suo contendente, avviando una nuova discussione prima di esplodere un colpo da una calibro 38 che aveva ferito alla mano la vittima. L’attività investigativa era stata svolta dagli agenti della Polizia di Stato, guidati dal vicequestore Aniello Ingenito, che avevano individuato il responsabile, finito agli arresti domiciliari. La prima ricostruzione ha individuato la conoscenza pregressa tra i due uomini, residenti nello stesso quartiere, con precedenti dissapori per questioni di vicinato: domenica la contesa è andata avanti in due diversi momenti a distanza di tempo, con un primo confronto e un successivo finito a colpi di pistola. L’indagato ha chiesto scusa per l’accaduto, riferendo di provocazioni alla base della sua azione armata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spara al vicino di casa, chiede scusa durante l'interrogatorio: resta ai domiciliari

SalernoToday è in caricamento