menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nocera, minacce per far riassumere una ragazza al Bingo: condannati due nocerini

I due si presentarono insieme - secondo le accuse - per intimorire il responsabile del locale pubblico, colpevole di aver licenziato la ragazza che aveva un contratto a scadenza

Sono due le condanne per una tentata estorsione nella sala Bingo di Nocera, nel 2011, nei riguardi di due nocerini. Il tribunale ha condannato a 4 anni e 2 mesi M.C. , e a 2 anni e 6 mesi, V.E. Sullo sfondo, la pretesa di riassumere una ragazza che aveva visto terminare il suo contratto proprio presso l'attività di via Napoli. Era il 13 febbraio del 2011. 

Cade l'aggravante mafiosa

I due si presentarono insieme - secondo le accuse originali - per intimorire il responsabile del locale pubblico, colpevole di aver licenziato la ragazza che aveva un contratto a scadenza. I due vennero identificati dai militari del nucleo operativo radiomobile del raggruppamento nocerino, con una prima denuncia a piede libero poi culminata dopo due giorni in un provvedimento di fermo. I due entrarono in azione la sera del 13 febbraio 2011 all’interno della sala Bingo di Nocera Inferiore. Qui, uno dei due, minacciò il responsabile di sala e del personale, per costringerlo a prolungare il rapporto lavorativo, che scadeva proprio quel giorno. Per la Dda, l'azione fu commessa con "metodo mafioso", rivendicando l'appartenenza della ragazza ad uno dei due imputati. Ne nacque una colluttazione, poi, ripresa dalle telecamere di sorveglianza. Tra quindici giorni, saranno depositate le motivazioni della condanna. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento