Coronavirus, la Camera Penale a Nocera: "Sospendere udienze per rischio sovraffollamento"

La settimana scorsa, il tribunale di Nocera Inferiore aveva interrotto ogni attività fino al 29 febbraio scorso, per provvedere alla sanificazione degli ambienti

Emergenza Coronavirus, la Camera Penale di Nocera Inferiore chiede di regolamentare le udienze per scongiurare il rischio di sovraffollamento delle aule del tribunale di via Falcone. In una lettera inviata al presidente del tribunale, oltre che a quelli della sezione penale, coordinatore ufficio Gip e procuratore, il direttivo ha chiesto «l'immediata sospensione di ogni attività giudiziaria riguardante le udienze preliminari, salvo utilizzo dell’aula bunker o di un’altra aula che riesca a garantire il rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia COVID 19». E ancora: «il rinvio d’ufficio delle udienze dove sono fissati più di 35 processi, di cui 25 di trattazione e 10 di discussione (in ossequio all’attuale protocollo d’udienza), o in alternativa il rinvio d’ufficio di quei processi in esubero rispetto ai detti 35 procedimenti». Le ultime due richieste, invece, riguardano il «rinvio d’ufficio delle udienze (comprese quelle GOT e dei Giudici di Pace) dove non si provvede a predisporre, e a comunicare almeno il giorno prima, l’ordine di chiamata per fasce orarie» e «la costituzione di un tavolo permanente tra avvocatura, magistratura, personale di cancelleria e gli organi preposti alla tutela della salute sul territorio, affinché siano adottate in maniera rigorosa le procedure per la tutela del diritto alla salute costituzionalmente garantito». 

Le ragioni

La settimana scorsa, il tribunale di Nocera Inferiore aveva interrotto ogni attività fino al 29 febbraio scorso, per provvedere alla sanificazione degli ambienti. La richiesta della Camera Penale si rifà alle linee guida interne ai provvedimenti del Presidente della Corte di Appello di Salerno, che prevede infatti la disciplina del calendario dell’udienza per fasce orarie, in modo da distribuire, nel corso della mattinata, la presenza degli utenti della giustizia. La lettera si conclude con una riflessione sul numero di contagi in Campania: «Purtroppo il numero dei contagi nella regione è in aumento, e diversi hanno proprio riguardato degli avvocati, e pertanto gli stessi potrebbero diventare veicolo di infezione per ipropri familiari, anche quelli che per età o condizioni di salute sono più a rischio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento