rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca Nocera Inferiore

Maxi truffe ad Inps e Agenzia dell'Entrate, in molti scelgono il silenzio

Questi gli esiti degli interrogatori sostenuti ieri mattina, dinanzi al gip Gustavo Danise del tribunale di Nocera Inferiore, per le sei persone raggiunte da misure cautelari nell'inchiesta su un giro di truffe a danno dell'Inps 

Diversi silenzi, ma anche la difesa della propria posizione: questi gli esiti degli interrogatori sostenuti ieri mattina, dinanzi al gip Gustavo Danise del tribunale di Nocera Inferiore, per le sei persone raggiunte da misure cautelari nell'inchiesta su un giro di truffe a danno dell'Inps. 

Lo scenario

I sei, tutti raggiunti da misura cautelare agli arresti domiciliari, sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa a danno di Inps e Agenzia delle Entrate. Attraverso la costituzione di false aziende, falsi rapporti di lavoro ed emissione di fatture false, avrebbero incassato erogazioni previdenziali quali disoccupazione e maternità. L'operazione, ribattezzata "Leonardo" - dal nome di una delle ditte coinvolte - vede al momento una sessantina di indagati e almeno 600 persone attenzionate tra Nocera Inferiore, Angri, Scafati, ma anche Sant'Antonio Abate e altri comuni del napoletano. L'accusa maggiore è di associazione a delinquere finalizzata alle truffe. Le indagini erano partite nel 2016, sulle tracce di un sodalizio composto da commercialisti e soggetti attivi nel ruolo di procacciatori, in grado di trovare persone per false assunzioni e intestazioni fittizie di imprese in realtà inesistenti. Tali società, oltre a ricevere benefici per i dipendenti, emettevano documentazioni contabili per prestazioni mai eseguite, verso terze aziende esistenti e verso altre aziende che esistevano solo formalmente. Un "saccheggio" quello alle casse dell'Inps, mentre l'Agenzia delle Entrate versava i crediti di imposta. I sei componenti della “regia” criminale risultano legati tra loro dal vincolo associativo, con le indagini a comprovare indennità previdenziali pari a 2 milioni di euro circa incassate indebitamente
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi truffe ad Inps e Agenzia dell'Entrate, in molti scelgono il silenzio

SalernoToday è in caricamento