Assenteismo all'Asl di Nocera, otto persone indagate: timbravano e poi uscivano

L'indagine condotta dalla procura di Nocera Inferiore si concentra sul distretto Asl di Materdomini, a Nocera Superiore, per un fenomeno presunto di assenteismo che sarebbe partito dal dicembre 2017 fino a gennaio 2018

Otto persone, tra medici veterinari, un infermiere e funzionari amministrativi, sono indagati per truffa aggravata ai danni dello Stato. L'indagine condotta dalla procura di Nocera Inferiore si concentra sul distretto Asl di Materdomini, a Nocera Superiore, per un fenomeno presunto di assenteismo che si sarebbe verificato dal dicembre 2017 fino a gennaio 2018. L'indagine è nata dalla denuncia di un dipendente di una ditta di pulizie, che riferì che almeno 6-7 dipendenti avrebbero registrato la propria presenza con il badge, per poi allontanarsi dal posto di lavoro senza motivo. La procura ha chiesto per tutti e otto l'interdizione dal servizio. Sarà il gip a decidere, a seguito degli interrogatori di garanzia effettuati ieri mattina, in tribunale

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Badge e false presenze

In quindici giorni i carabinieri di Nocera Superiore avrebbero ottenuto i primi riscontri alla denuncia, attraverso telecamere installate presso l'ingresso principale della struttura, servizi di pedinamento e osservazione. Cinque degli attuali indagati sono in pensione e davanti al gip si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Gli altri, ancora in servizio, hanno fornito elementi a loro difesa, spiegando che il loro lavoro prevede servizi all'esterno della struttura. In un caso, uno dei dipendenti sarebbe stato visto mentre faceva la spesa, in un supermercato. Un altro, invece, risponde di falso ideologico, avendo - secondo l'accusa - falsificato un verbale d'ispezione, che attestava la presenza di un altro dipendente presso un'azienda, per motivi di lavoro. Nei prossimi giorni il gip deciderà quanto chiesto dalla procura, che sottolinea il rischio di "reiterazione del reato" per gli indagati. La maggior parte delle accuse contesta agli indagati di aver badgiato il sistema per registrare la presenza, poi l'allontanamento dalla struttura anche per diverse ore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento