Caserma dei carabinieri a Nocera Superiore: arriva l'ok del Comando Generale

Ma la Ferrentino (Legalità e Trasparenza) va all'attacco: "L’amministrazione ha fallito, presenteremo una denuncia agli organi competenti"

Un nuovo incontro operativo ed un nuovo passo in avanti verso l’avvio dei lavori della nuova caserma dei carabinieri, nello stabile dell’ex mattatoio di Nocera Superiore. Con l’ok definitivo a procedere giunto via Pec dal Comando Generale dell’Arma, il sindaco Giovanni Maria Cuofano è pronto a portare in consiglio comunale la variante per la nuova caserma.

Il progetto

A lavoro, in queste ore, anche il progettista incaricato della messa a punto della variante al progetto iniziale che - ricordiamo - prevedeva la destinazione dell’ex mattatoio al comando di polizia municipale. In tal senso, nell’incontro operativo avuto con il colonnello Di Gangi, sono state recepite le ultime indicazioni tecniche e progettuali da parte dell’Arma.  Prosegue, dunque, e si avvia verso la conclusione, l’iter “articolato e complesso” per la nuova caserma a Nocera Superiore “la cui fattibilità – precisano dal Municipio - non è mai venuta meno nel corso degli ultimi mesi scanditi da necessari passaggi amministrativi e tecnici tra Cuofano ed il Comando Generale”

La polemica

Intanto, però, è scontro politico sulla caserma. “L’amministrazione ha fallito, presenteremo una denuncia agli organi competenti" annuncia l’avvocato Raffaella Ferrentino del movimento “Legalità e Trasparenza” che lancia un nuovo allarme sulla stazione dei carabinieri in via Russo, dopo aver chiesto a lungo che l’esecutivo guidato dal sindaco Cuofano si attivasse contro la soppressione del presidio. “E’senza dubbio una realtà storica del paese esistente da tantissimi anni – afferma – Una vera sconfitta delle istituzioni. Abbiamo iniziato questa battaglia circa un anno fa con la sottoscrizione di una petizione che raccolse migliaia di firme. Ci siamo fermati sulla scorta delle rassicurazioni e proclami in pompa magna del sindaco Cuofano che, nelle more della nostra battaglia, tappezzava il paese con manifesti dal titolo “La caserma non si tocca”. Ciò che è avvenuto decreta il totale fallimento di questa amministrazione che, alla comunicazione del trasferimento del presidio territoriale nel Comune limitrofo, non ha fatto nulla per impedirlo. Hanno fatto trasferire i carabinieri in un edificio che presenta molte criticità sulla sicurezza. Ricordo ai consiglieri che la perdita del presidio è una grave violazione dell'obbligo da parte vostra di garantire la tutela dei cittadini". Ferrentino annuncia le prossime mosse del movimento. “Abbiamo predisposto una denuncia a tutti gli organi competenti sottoponendo l'assoluta assenza di un presidio di sicurezza e l'esposizione del paese e dei cittadini a rappresaglie e violenze di ogni genere. Invocheremo un Consiglio comunale ad hoc sperando in un senso di responsabilità di tutti, affinché ci siano restituite la dignità e la tutela che meritiamo. I cittadini non subiranno questa ennesima mortificazione. Assumetevi le vostre responsabilità, signori amministratori: non faremo sconti a nessuno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

Torna su
SalernoToday è in caricamento