Cronaca Nocera Superiore

Nocera Superiore, partita di pomodoro egiziano "contaminata": Riesame conferma sequestro

L’operazione “Scarlatto due” era culminata nel decreto di sequestro preventivo d’urgenza. Il provvedimento aveva interdetto l’immissione nel circuito commerciale di prodotto non conforme alle prescrizioni di produzione

Il Tribunale del Riesame di Salerno ha confermato la misura di sequestro probatorio disposta dal gip per una partita di semilavorato di pomodoro di 821 tonnellate, proveniente dall’Egitto e del valore di circa 1 milione di euro, al centro della maxi-operazione del giugno scorso ribattezzata “Scarlatto 2”.

Le accuse

La merce era stata sottoposta a sequestro dai carabinieri del Reparto Tutela agroalimentare di Salerno e dai militari del Comando per la Tutela agroalimentare nell'ambito di un'indagine diretta dalla Procura di Nocera. Nel mirino era finita un'azienda di Nocera Superiore. L’operazione “Scarlatto due” era culminata nel decreto di sequestro preventivo d’urgenza. Il provvedimento aveva interdetto l’immissione nel circuito commerciale di prodotto non conforme alle prescrizioni di produzione, con il blocco giudiziario di un ingente quantitativo di concentrato di pomodoro di provenienza egiziana arrivato presso l’azienda di Nocera Superiore.
La partita di 821 tonnellate, del valore di circa 1 milione di euro, fu ritenuta a seguito di concreti elementi indiziari acquisiti nell’indagine, in larga parte contaminata in ragione della presenza di pesticidi risultata dalle analisi tecniche. La contaminazione deriverebbe dalla percentuale superiore al consentito dei prodotti pesticidi adoperati, emersi dalle analisi, ben oltre quanto previsto dalle norme, con rischi alti per la salute. La merce era stoccata in migliaia di fusti metallici contenenti ognuno mediamente 250 chilogrammi di prodotto, in attesa di essere lavorata e confezionata in barattoli e tubetti di diversi formati, per essere poi collocata sul mercato, in prevalenza all’estero, come doppio o triplo concentrato di pomodoro, per il consumo alimentare al dettaglio. Numerosi campioni del materiale in sequestro erano stati analizzati da laboratori specializzati, in grado di rilevare ulteriori tracce e presenze di sostanze illecite e pericolose

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocera Superiore, partita di pomodoro egiziano "contaminata": Riesame conferma sequestro

SalernoToday è in caricamento