rotate-mobile
Cronaca Nocera Superiore

Nocera Superiore, a lavoro i primi 47 percettori del reddito di cittadinanza

Alcuni dei lavoratori socialmente utili sono stati assegnati ad alcune scuole del territorio in attività di supporto

I percettori del reddito di cittadinanza a lavoro per servizi sociali. E’ il risultato ottenuto attraverso la ripresa dei Puc, ovvero dei Progetti di Utilità Collettiva. A Nocera Superiore, da oggi, saranno impegnati 47 dei primi 77 cittadini che ricevono il sussidio. Il loro operato sarà destinato ai vari settori comunali, come garantire attività di supporto alla polizia municipale, attività di sensibilizzazione a supporto dell’ufficio ecologia, attività di manutenzione ordinaria al verde pubblico, oltre che collaborazione per il supporto alle attività amministrative per i servizi sociali ed il settore affari generali.

“Si tratta di un momento di inclusione sociale e lavorativa per i beneficiari del sussidio statale – ha dichiarato il sindaco Giovanni Maria Cuofano – che con l’avvio della fase 2 dei progetti di inserimento sociali si tramuta in impegno concreto per la comunità attraverso supporto ai servizi comunali e mansioni nelle scuole”.

I compiti

I percettori del reddito di cittadinanza saranno impiegati in diverse attività. Alcuni dei lavoratori socialmente utili sono stati assegnati ad alcune scuole del territorio in attività di supporto. Nei plessi del Primo circolo didattico saranno impiegati nelle attività di accoglienza, sicurezza e supporto dei bambini speciali. Gli incarichi lavorativi dei cittadini individuati, sono stati assegnati in base alle proprie competenze personali. A regime saranno inseriti, nelle prossime settimane, circa 200 beneficiari di cui 80 impegnati nelle scuole e 120 in altre mansioni al municipio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocera Superiore, a lavoro i primi 47 percettori del reddito di cittadinanza

SalernoToday è in caricamento