Olevano sul Tusciano: scariche elettriche a trote e anguille, denunciati

I delinquenti sono stati denunciati alla Procura della Repubblica, mentre l’attrezzatura ed il pescato, ben quindici chili di trote ed anguille, sono stati sequestrati e donati in beneficenza

Il sequestro

Un metodo di pesca ingegnoso quanto disumano è stato scoperto a Ferragosto dai carabinieri diretti dal maresciallo Giuseppe Esposito. Finiscono nei guai, due persone intente ad esercitare la pesca di frodo nel fiume Tusciano, con un'apparecchiatura artigianale che produceva delle scariche elettriche.

I due "pescatori" tramortivano i pesci che risalivano le fresche e limpide acque del fiume: un gioco da ragazzi così catturare con un retino i pesci letteralmente svenuti. Denunciati alla Procura della Repubblica, i due responsabili, mentre l’attrezzatura ed il pescato, ben quindici chili di trote ed anguille, sono stati sequestrati e donati in beneficenza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

  • Slitta, pista e renne al San Marzano Christmas Village: attrazioni per i bambini

Torna su
SalernoToday è in caricamento