Torna "Oliveto nel Cuore", premiati i cittadini illustri e i neolaureati

L'iniziativa, ormai alla quarta edizione, è nata per rendere omaggio a tutti i cittadini che, nel campo della cultura, delle arti, della scienza, del lavoro, della politica, dell'assistenza e dello sport, abbiano dato lustro al comune

I neolaureati

Grande festa ieri sera ad Oliveto Citra, presso l’aula consiliare Vincenzo Indelli, dov’è andata in scena “Oliveto nel Cuore”, la cerimonia di consegna di un riconoscimento ai cittadini illustri e di una nota di merito ai neolaureati. L’iniziativa, ormai alla quarta edizione, è nata per rendere omaggio a tutti i cittadini residenti ad Oliveto Citra e non che, nel campo della cultura, delle arti, della scienza, del lavoro in ogni sua espressione, della politica, dell'assistenza e dello sport, abbiano dato lustro al comune.

A ricevere il riconoscimento il dottore Rocco Garruto, Gerardo Monaco, l’avvocato Alessandro Coglianese e l’artista Dina Apata, cittadini che hanno dimostrato di avere “Oliveto nel cuore”. Una nota di merito, invece, è andata a tutti i neolaureati: Rio Francesco, Calzaretta Felice, Raia Valeria, Torsiello Angela Carmela, Coglianese Giuseppe, Lullo Cristian, Raia Francesca, Raia Alessia, Pignata Alma, Pignata Paola, Acquaviva Antonietta, Acquaviva Alessandra e Scolamiero Gaetano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatto il sindaco Mino Pignata: “Oliveto nel Cuore non è un premio, ma un riconoscimento per i cittadini che hanno speso parte della loro vita per il nostro paese. La memoria è un sentimento attivo da tramandare alle nuove generazioni, i giovani con il loro sapere ci arricchiscono. Il conseguimento della laurea è una ricchezza per la persona, per la famiglia, ma anche per l’intera comunità. Il Sud perde due volte quando i nostri giovani sono costretti ad abbandonare la propria terra. Il dovere della nostra amministrazione è creare le condizioni per lo sviluppo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Coronavirus, nuovi 10 contagi in Campania: il bollettino

  • Tutti a mare a Salerno: nessuno rinuncia ai tuffi, traffico in Costiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento