Agguato ad Aldo Autuori: non furono i fratelli Merola ad ucciderlo

Prova dello stub negativa per i due indagati nell’ambito dell'omicidio di Aldo Autuori, freddato ad agosto, sotto gli occhi di adulti e bambini

Autuori

Prova dello stub negativa per i due indagati nell’ambito dell'omicidio di Aldo Autuori, freddato ad agosto in via Alfano a Pontecagnano Faiano. Come riporta Metropolis, i due, fratelli di Luciano Merola del cui assassinio fu accusato lo stesso Autuori, erano stati sottoposti poche ore dopo il delitto al test, per stabilire se avessero usato armi da fuoco. Le indagini continuano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il delitto - L'agguato è stato consumato ad agosto davanti al bar Lory, mentre Autuori era seduto all'esterno del locale in compagnia della moglie e del nipotino. La sua prima reazione è stata una fuga istintiva verso la sua abitazione, distante poche centinaia di metri, ma sentendosi perduto, ha tentato invano di trovare riparo dietro un furgoncino parcheggiato davanti al bar. Da lì, un ultimo tentativo di fuga sotto i colpi di due pistole, verso una via adiacente al bar. Ma dopo pochi metri è stato ucciso: è morto dopo pochi minuti dall'intervento dei sanitari. La moglie della vittima, Clementina, è stata ferita di striscio: fortunatamente non è grave. I killer, dunque, a bordo di una moto e con indosso due caschi integrali, hanno aspettato che l’uomo si fermasse a piedi in quella zona, poco distante dal Comune, per ucciderlo e dileguarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Sarno si sveglia in lacrime: muore Michele, 38enne ricoverato al Ruggi

  • Suicidio a Salerno, si lancia dalla finestra e muore sull'asfalto

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Covid-19, sospende il pagamento dell'affitto per gli inquilini in difficoltà: il bel gesto di una cittadina di Baronissi

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Coronavirus: nuovi contagi a Baronissi e a San Valentino Torio, Valiante dà il nome

Torna su
SalernoToday è in caricamento